Cronaca | News

Saviano contro i commercialisti: interviene la Rai

9 Giugno 2020
Saviano contro i commercialisti: interviene la Rai

L’azienda radiotelevisiva chiarisce la sua posizione e spiega il meccanismo del programma “Che tempo che fa” in cui il giornalista aveva reso le dichiarazioni.

La Rai si smarca dalle accuse rivolte dal giornalista Roberto Saviano ai commercialisti durante la trasmissione televisiva “Che tempo che fa” del 24 maggio scorso e gli lascia l’intera responsabilità delle affermazioni pronunciate.

Dichiarazioni “pesanti”, che avevano fatto indignare le associazioni della categoria interessata: Saviano aveva infatti  affermato che «i commercialisti italiani segnalano alla criminalità le aziende in crisi», dunque ipotizzando un loro concreto coinvolgimento. Da qui l’iniziativa dei commercialisti di sporgere querela nei suoi confronti.

Adesso, nella polemica interviene la Rai, con una risposta ufficiale, che ci riporta ora l’agenzia stampa Adnkronos, fornita dal direttore Relazioni Istituzionali dell’azienda radiotelevisiva alle interrogazioni parlamentari presentate dalla Lega in Commissione di Vigilanza in merito a queste affermazioni di Saviano sui commercialisti.

«In primo luogo si ritiene opportuno premettere che il format Che tempo che fa è da sempre caratterizzato editorialmente da interviste singole e che il pluralismo viene garantito attraverso una vastissima rotazione degli ospiti intervistati nel corso dell’intera stagione», ha esordito il direttore Rai. «Si noti poi che Roberto Saviano è intervenuto in diretta, per cui non è stato possibile nell’immediato agire sul suo discorso, fermo restando che, in generale, le dichiarazioni rese da un ospite intervistato, specie se si tratta di un giornalista, sono a quest’ultimo esclusivamente riconducibili».

«Per quanto attiene al contenuto del suo intervento – prosegue il direttore Relazioni Istituzionali della Rai – lo stesso Saviano ha chiarito sul quotidiano la Repubblica del 28 maggio 2020 che nel corso della puntata in parola non ha inteso lanciare un attacco generalizzato ad una categoria di professionisti, bensì è stato svolto un ragionamento circostanziato, come dimostra anche il riferimento esplicito ai ‘professionisti seri’».

Infine, «trattandosi dell’ultima puntata di Che Tempo che fa – aggiunge poi il direttore Relazioni Istituzionali della Rai – non si è potuto pianificare uno spazio all’interno dello stesso programma per dar voce ai commercialisti chiamati in causa da Saviano. Nell’ottica di fornire comunque una doverosa possibilità di replica a questa categoria professionale – evidenzia quindi – Rai2 ha messo a disposizione uno spazio all’interno del programma Patriae, che nella puntata del 25 maggio si è collegata con Massimo Miani (presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti) il quale ha potuto esprimere il proprio pensiero anche in merito alle affermazioni di Saviano».



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube