Coronavirus: ecco perché da febbraio è diventato più contagioso

9 Giugno 2020 | Autore:
Coronavirus: ecco perché da febbraio è diventato più contagioso

Uno studio italiano rivela la mutazione sulle proteine Spike.

Il Coronavirus è mutato? Perché la pandemia ha portato al decesso di oltre 400mila vittime? Uno studio italiano ha fotografato una mutazione sulla proteine Spike di Sars-Cov-2 che ci spiega in che modo questo virus è diventato più contagioso a partire da febbraio.

Massimo Ciccozzi, responsabile dell’Unità di statistica medica ed epidemiologia molecolare dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, ha pubblicato la ricerca sul ‘Journal of Medical Virology’, insieme a Roberto Cauda, docente di Malattie infettive all’Università Cattolicadi Roma e ad Antonio Cassone, docente di Microbiologia dell’Universitàdi Perugia. L’esperto ne ha parlato all’Adnkronos Salute.

Cosa emerge da questo studio? La mutazione della proteina D614g, riscontrata in numerose sequenze del virus isolato dal trattonaso-faringe dei soggetti infetti fin da febbraio, è diventata strutturale. Cerchiamo di spiegarci meglio. Quando tutto ha avuto inizio, il ceppo di Wuhan non aveva questa mutazione, che è apparsa dopo che il virus è arrivato in Europa e Nordamerica. Lo specialista ha precisato che questa mutazione ha reso il virus di Wuhan più capace di infettare l’uomo e circolare nel suo organismo. Motivo per cui quando il virus è uscito dalla Cina è apparso più contagioso.

Ma c’è di più. “Questa stessa mutazione – dice Cauda all’Adnkronos Salute – è stata rilevata indipendentemente da altri tre gruppi di ricerca, uno americano del Los Alamos National Laboratory e uno spagnolo di Barcellona. Questo ci dice che Sars-Cov-2è andato incontro a una mutazione che probabilmente ne ha aumentato la contagiosità, e poi questo virus mutato ha un po’ soppiantato quello di Wuhan. Una conclusione – dice ancora Cauda, parlando da clinico – che è supportata dall’epidemiologia”.

Perché usare le mascherine e rispettare il distanziamento

Ciccozzi sottolinea che questa contagiosità aumentata c’è ancora: ecco perché dobbiamo ancora usare le mascherine e rispettare il distanziamento. Per fortuna il virus circola meno, ma non è il momento di abbassare la guardia.

“Nel frattempo, Sars-Cov-2 si sta adattando a noi sempre di più, come di solito fanno i virus. In questo caso ciò accade perché subisce le pressioni di misure come lockdown e mascherine, ma anche quella della selezione naturale. Insomma, tutto ciò ci fa ben sperare, ma ci invita anche a non mollare”, conclude lo specialista.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Si ma io dalla mia ignoranza in materia l’avevo immaginato. Anche perché dicevano che il virus circolava già tra settembre e dicembre 2019 e mica c’erano tutti questi casi. Poi, questa pandemia abbiamo iniziato ad avvertirla verso fine febbraio, quando sono scoppiati i focolai, altrimenti tutti, anche i medici che conoscono, parlavano di una semplice influenza…ma io avevo un sentore… Non immaginavo si arrivasse a tutti questi morti… 400000 morti…è un incubo. E nonostante questo c’è ancora chi dice che è tutto un complotto e il virus è stata un’esagerazione….ma andatelo a dire a quelle famiglie che hanno perso i loro cari, a quelli che sono usciti vivi e con tante conseguenze dalla terapia intensiva… informatevi davvero e non leggete o vedete cose campate in aria in cui vi infinocchiano dicendoti che era poco più grave di una semplice influenza…

  2. Secondo me, però, c’è stata una disinformazione assurda anche dagli organi istituzionali. L’Oms doveva lanciare subito l’allarme…non dovevano tenere le info solo per loro, ma avrebbero dovuto rendere tutti partecipi. In Italia, avrebbero dovuto evitare l’esodo al sud e dovevano essere un po’ più rigidi su spostamenti. Che ora vanno a fare le multe a chi si abbraccia per strada, mi sembra ridicolo…tanto la gente lo fa in privato. Piuttosto, cercate altre soluzioni per far comprendere che ancora bisogna stare cauti, anche al di là dell’occhio attento degli altri. Certi comportamenti dovrebbero entrare nell’abitudine di tutti e forse finalmente riusciremo ad evitare ulteriori contagi, ulteriori decessi…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube