Diritto e Fisco | Articoli

Basta un solo schiaffo o un pugno alla moglie per la separazione con addebito

29 Ottobre 2013 | Autore:
Basta un solo schiaffo o un pugno alla moglie per la separazione con addebito

È sufficiente provare un solo episodio di violenza, come un solo schiaffo o un pugno, per addebitare la separazione al marito manesco.

 

Anche un solo episodio di violenza perpetrata dal marito contro la moglie legittima quest’ultima a chiedere la separazione con addebito.

È quanto affermato da una recente sentenza della Corte d’Appello di Palermo [1] che ha confermato l’orientamento già espresso, in passato, dalla Cassazione sullo stesso argomento [2].

La separazione, infatti, viene addebitata al coniuge che ha tenuto una condotta tale da rendere intollerabile la convivenza coniugale. Dunque l’atteggiamento violento del coniuge, anche quando sia isolato e non provochi gravi lesioni, può causare l’addebito in quanto idoneo a sconvolgere definitivamente l’equilibrio della coppia.

I giudici sottolineano, in particolare, la gravità dell’atteggiamento di un marito che, con violenza, si impone sulla moglie ledendone fortemente la dignità. Uno schiaffo o un pugno durante un litigio non sono “normali” e quindi assolutamente non giustificabili.

Ma come fa la moglie a dimostrare la violenza del marito ai fini della richiesta di addebito?

Dato che ciò che avviene tra le mura domestiche è spesso non visibile all’esterno e pertanto difficilmente dimostrabile, al coniuge leso basta provare un solo episodio di maltrattamento. La prova può avvenire tramite la dichiarazione testimoniale del figlio o di altro familiare che dimostri che l’episodio violento, anche se isolato, ha provocato la rottura del matrimonio. Non bisogna neanche dimenticare eventuali certificati medici o di pronto soccorso.


note

[1] Corte App. sent. n. 991/2013.

[2] Cass. sent. n. 817 del 14.01.2011.

L’immagine in copertina è un’opera riservata di Dante Emanuele De Santis – © tutti i diritti riservati


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube