Asma grave: come condiziona la vita dei pazienti

10 Giugno 2020 | Autore:
Asma grave: come condiziona la vita dei pazienti

In che modo incide sulla quotidianità questa patologia dovuta a un’infiammazione cronica delle vie aeree?

Affanno, difficoltà respiratoria, tosse secca, respiro sibilante. I sintomi dell’asma variano da una persona all’altra. Un elemento resta comune tra tutti i pazienti: l’impatto sulla propria quotidianità. Chi ne soffre riscontra forti limiti soprattutto nel lavoro e nella vita sociale. A rivelarlo è una ricerca condotta da Doxa Pharma per Sanofi, la prima ampia e specifica sui pazienti con asma grave, i cui dati sono stati presentati oggi webinar “Asma così grave da togliere il fiato”, come riporta una nota stampa dell’agenzia Adnkronos.

Asma grave: a cosa rinunciano i pazienti?

L’indagine rileva che il 69% del campione afferma di dover rinunciare allo sport almeno una volta al mese, il 65% di assentarsi dal lavoro almeno qualche giorno al mese e l’85% di avere un impatto negativo sulla performance lavorativa, a causa dello scarso riposo notturno pervia dei sintomi (per il 44%). Mentre il 59% la ritiene fonte di stress, motivazione per cui 1 paziente su 2 sceglie di non frequentare luoghi affollati. Tutto questo si accompagna a sentimenti di frustrazione e depressione nel 50% del campione.

Asma grave: le preoccupazioni e le limitazioni dei pazienti

Le preoccupazioni e le limitazioni di chi vive con asma grave toccano in modo trasversale tutte le età e non risparmiano neanche i più giovani. Anzi. Sono infatti i più giovani a vivere l’asma grave con maggiore disagio, percependo, nel 53% dei casi, una sensazione di impotenza nei confronti della patologia.

L’asma grave condiziona considerevolmente anche la visione del futuro dei pazienti adolescenti e giovani adulti (12-24 anni), caratterizzatada una forte preoccupazione: il 70% circa riferisce il timore di un ulteriore peggioramento dell’asma, il 40% è preoccupato di dover rinunciare a occasioni e opportunità future e 1 su 3 ha paura di dover rinunciare ad amicizie e relazioni sociali. Inoltre, il 47% teme di perdere autonomia nella gestione della propria quotidianità.

L’impatto sulla qualità di vita degli adolescenti

Gli adolescenti tendono a rifiutare l’idea di essere ‘malati’ e a nascondere la propria condizione per timore di essere allontanati dalla propria cerchia di amici o conoscenti. Lo spiega Giorgio Piacentini, docente di Pediatria all’università di Verona e presidente nazionale della Società italiana per le malattie respiratorie infantili.

“Di conseguenza, la diagnosi e la terapia in questa fascia di età risultano più difficili, comportando un peggioramento della mortalità e della morbilità dell’asma, specie se grave. Pertanto, l’approccio a questi pazienti deve essere personalizzato, con una particolare attenzione alle loro specifiche caratteristiche emotive e psicologiche, nonché allo stile di vita e al contesto personale e familiare”.

Visite di controllo e farmaci

Sia per gli adulti sia per i più giovani, infine, l’impatto dell’asma grave si misura anche nel tempo da dedicare alle necessarie visite di controllo e alla somministrazione dei farmaci biologici in ospedale. Un paziente su 2 rinuncia ai propri impegni per questo motivo. Oggi, ifarmaci biologici per l’asma grave cominciano ad avere la possibilità di terapia domiciliare autonoma, andando così incontro alle esigenze espresse anche dalla maggior parte dei pazienti nel sondaggio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Immaginate la preoccupazione per chi soffre di asma ed è un soggetto allergico. Mio fratello ha diritto a farsi il vaccino perché lavora nell’ambito medico, ma prima di farsi somministrare il siero anticovid, ha dovuto seguire una sorta di “preparazione” proprio perché è un soggetto allergico. Alla prima dose, ha avuto i sintomi classici del vaccino: dolore al braccio, febbre alta, stanchezza e spossatezza, dolore alle ossa. Speriamo faccia davvero effetto e possa tutelare tutti questo vaccino

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube