Voucher innovazione imprese: domande al via

11 Giugno 2020
Voucher innovazione imprese: domande al via

Il Mise stanzia 19,5 milioni per finanziare le spese di brevetto in favore delle startup innovative. La procedura è gestita da Invitalia e apre il 15 giugno.

È tutto pronto per la partenza di «Voucher 3i – Investire in Innovazione», il nuovo incentivo che sostiene le startup innovative nelle diverse fasi del processo di brevettazione: dall’idea alla domanda, fino all’estensione della tutela su nuovi mercati. L’obiettivo è valorizzare e tutelare i processi di innovazione delle imprese in Italia e all’estero.

Come presentare la domanda

L’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa ha reso noto, in un comunicato diffuso dall’Adnkronos, che a partire da lunedì 15 giugno 2020 è possibile presentare domanda per richiedere l’incentivo promosso dal ministero dello Sviluppo Economico e gestito da Invitalia.

Le domande possono essere presentate esclusivamente online. La procedura informatica prevede la registrazione ai servizi online di Invitalia indicando un indirizzo di posta elettronica ordinario una volta registrati, l’accesso al sito riservato per compilare la domanda online e scaricare la documentazione da allegare.

Invitalia fa sapere infine che non ci sono scadenze per la presentazione delle domande, l’Agenzia le valuta in base all’ordine di arrivo, fino a esaurimento dei fondi.

La dotazione finanziaria

Il bando Voucher 3i ha una dotazione finanziaria di 19,5 milioni di euro per il triennio 2019-2021 e consiste nel rilascio di un voucher per l’acquisto di servizi specialistici forniti da professionisti iscritti nell’elenco gestito dall’Ordine dei Consulenti in proprietà industriale o nell’elenco del Consiglio Nazionale Forense (i nominativi dei professionisti sono pubblicati nei rispettivi siti).

I costi

Un’opportunità, sottolinea Invitalia, «a costo zero per l’impresa beneficiaria, perché il voucher verrà pagato direttamente al fornitore prescelto. La startup dovrà solo confermare la corretta e completa erogazione del servizio richiesto».

Come utilizzare il voucher

In particolare, il voucher può essere utilizzato per:

  • la verifica della brevettabilità dell’invenzione ed effettuazione delle ricerche di anteriorità preventive al deposito della domanda di brevetto (euro 2.000 + Iva);
  • la stesura della domanda di brevetto e di deposito della stessa presso l’Ufficio italiano brevetti e marchi (euro 4.000 + Iva);
  • il deposito all’estero di una domanda che rivendica la priorità di una precedente domanda nazionale di brevetto (euro 6.000 + Iva).

L’entità del contributo

L’Agenzia spiega inoltre che l’incentivo è concesso nel regime de minimis. Ciascuna startup innovativa può richiedere in un anno (12 mesi conteggiati a partire dalla prima richiesta) la concessione di massimo 3 voucher per singola tipologia di servizio: in totale, quindi, non più di 9 voucher. Inoltre, i voucher richiesti per il medesimo servizio devono far riferimento a diverse invenzioni e domande di brevetto.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube