Diritto e Fisco | Articoli

Anche il genitore disoccupato è tenuto a mantenere il figlio maggiorenne

30 Ottobre 2013 | Autore:
Anche il genitore disoccupato è tenuto a mantenere il figlio maggiorenne

Il genitore separato e disoccupato, ma con la possibilità di svolgere lavori anche saltuari, è sempre tenuto al mantenimento del figlio maggiorenne.

L’obbligo di mantenere i propri figli, anche se maggiorenni, non cessa neppure quando si è disoccupati, qualora si abbia la possibilità di reperire una nuova occupazione.

È quanto stabilito recentemente dalla Cassazione [1] riguardo al caso di un cuoco che, nonostante fosse disoccupato, è stato riconosciuto in grado, grazie alle proprie capacità professionali, di reperire una nuova occupazione e provvedere così al mantenimento dei due figli maggiorenni.

La giurisprudenza in materia di mantenimento dei figli esprime il suo costante orientamento in merito a due aspetti.

 

1) Lo stato di disoccupazione non è sufficiente a escludere l’obbligo di mantenimento dei figli; il genitore potrebbe provvedere al versamento del contributo tramite, per esempio:

– il reddito proveniente da una nuova occupazione, anche saltuaria, reperita grazie alle proprie competenze e conoscenze professionali;

– la stessa indennità di disoccupazione o il Tfr;

– altre fonti di reddito o risorse economiche a disposizione [2].

Il mancato adempimento dell’obbligo di mantenimento della prole è giustificato solo se il genitore prova la concreta mancanza di mezzi economici per far fronte ai propri bisogni e a quelli del figlio [3].

2) I figli devono essere mantenuti, anche se maggiorenni, fino a quando non raggiungono lindipendenza economica. Ciò a meno che il genitore non dimostri in giudizio che la condizione di non autosufficienza economica del giovane sia dipesa da una sua inerzia o rifiuto ingiustificato (per esempio nella ricerca di un’occupazione stabile).

Dunque, il genitore separato e disoccupato resta obbligato al mantenimento dei figli maggiorenni ancora non autosufficienti dal punto di vista economico.

Egli, tuttavia, qualora non riesca a far fronte per l’intero al mantenimento stesso, può chiedere al giudice una riduzione dell’assegno dovuto ai figli, provando le effettive condizioni di difficoltà economica.


note

[1] Cass. ord. n. 24424 del 29 ottobre 2013.

[2] Cass. sent. n. 48204 del 13.12.2012.

[3] Cass. sent. n. 7372/2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube