Cronaca | News

Coronavirus: in aumento i contagi sul lavoro

12 Giugno 2020
Coronavirus: in aumento i contagi sul lavoro

Secondo i nuovi dati Inail, sono 3.623 in più rispetto al 15 maggio, di cui 208 casi mortali (+37%). Il settore della sanità è il più colpito. Record di denunce in Lombardia.

Cresce il numero dei lavoratori contagiati da Coronavirus. Secondo i nuovi dati diffusi oggi dall’Inail e riportati dall’Adnkronos, i contagi da Covid-19 di origine professionale denunciati all’Istituto alla data del 31 maggio sono 47.022. Sono 3.623 casi in più rispetto al monitoraggio precedente del 15 maggio, di cui 208 hanno avuto esito mortale, con un aumento del 37%.

I morti per Coronavirus sono pari a circa il 40% del totale dei decessi sul lavoro denunciati all’Inail nel periodo preso in esame
e concentrati nei mesi di marzo e aprile (56%).

Le rilevazioni aggiornate sono contenute nel quarto report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, che rispetto alle precedenti si arricchisce di un approfondimento a livello territoriale: ora il documento contiene 21 nuove schede, relative ai casi registrati nelle 19 regioni italiane e nelle due province autonome di Trento e Bolzano, che saranno aggiornate con cadenza mensile.

Il settore della Sanità e assistenza sociale – che comprende ospedali, case di cura e di riposo,istituti, cliniche, policlinici universitari, residenze per anziani e disabili – è quello più colpito dal fenomeno: registra, insieme agli organismi pubblici preposti alla
sanità, l’81,6% delle denunce ed il 39,3% dei casi mortali.

Seguono i servizi di vigilanza, pulizia, call center, il settore manifatturiero (industria alimentare, chimica e farmaceutica), le attività di alloggio e ristorazione e il commercio.

L’analisi per professione evidenzia la categoria dei tecnici della salute come quella più coinvolta da contagi, con circa l’84% relativa a infermieri (il 66% per i decessi). Seguono gli operatori socio-sanitari, i medici, gli operatori socio-assistenziali e il personale non qualificato nei servizi sanitari, come ausiliari, portantini e barellieri.

A livello territoriale, la regione più colpita risulta la Lombardia, che spicca nel Nord Ovest, dove ricadono più della metà delle denunce all’Inail di contagio da nuovo coronavirus di origine professionale (55,8%) e quasi sei casi mortali su 10 (58,7%). In Lombardia si sono verificate il 35,5% delle denunce di contagio sul lavoro e il 45,2% dei decessi. Il 30,4% delle 16.700 infezioni denunciate nel territorio lombardo riguardano la provincia di Milano, ma il primato negativo dei casi mortali, con 25 decessi, è della provincia di Bergamo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube