Coronavirus, quanto ci hanno protetto le mascherine

12 Giugno 2020
Coronavirus, quanto ci hanno protetto le mascherine

Uno studio risponde alla domanda delle domande: coprire naso e bocca è stata una precauzione utile?

Ricordate l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e il suo scetticismo sull’uso delle mascherine da parte della popolazione? Il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus ritenevano, almeno fino a poco tempo fa, che non ci fosse la prova scientifica di una loro efficacia, a livello generalizzato. Questa prova scientifica, forse, è arrivata. Parliamo di uno studio che ha voluto sondare proprio questo campo, ponendosi una domanda cruciale: quanto proteggono le mascherine dal Coronavirus? La risposta nei risultati.

Quanto hanno influito le mascherine in Italia

È, come al solito, una nota dell’agenzia di stampa Adnkronos, ad aggiornarci sul tema. Dalla ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Pnas, emerge che queste coperture per il viso hanno avuto un peso non irrilevante nella nostra protezione dal Covid. A dimostrarlo è proprio il caso Italia, uno di quelli presi in considerazione dagli autori del lavoro, scienziati di diverse istituzioni Usa: «Questa sola misura di protezione ha ridotto significativamente – cioè di oltre 78mila – il numero di infezioni» nel Belpaese «dal 6 aprile al 9 maggio», hanno calcolato gli esperti. Tendenza confermata anche dall’esperienza di New York City, dove sono stati evitati oltre 66mila casi dal 17 aprile al 9 maggio grazie all’uso delle mascherine.

L’effetto scudo fotografato dimostra anche che «la trasmissione aerea» di Covid-19 «è altamente virulenta e rappresenta la via dominante per diffondere la malattia», evidenziano gli scienziati di Texas A&M University, University of Texas a Austin, California Institute of Technology e University of California San Diego. Per combattere la pandemia di nuovo Coronavirus, sono state adottate varie misure, tra cui il distanziamento sociale e la copertura delle vie aeree, di naso e bocca, con le mascherine appunto.

Il mezzo di contrasto più efficace

L’analisi dei trend epidemici e degli effetti delle misure di mitigazione adottate a Wuhan in Cina, la prima metropoli a fare i conti con il nuovo Coronavirus, in Italia e a New York City, dal 23 gennaio al 9 maggio 2020, ha permesso agli autori – Renyi Zhang, Yixin Li, Annie L. Zhang, Yuan Wang, e Mario J. Molina – di rilevare che «la differenza con e senza mascherina obbligatoria rappresenta il fattore determinante nel modellare le tendenze pandemiche nei tre epicentri». Altre misure, come il distanziamento sociale, da sole «sono insufficienti a proteggere» la popolazione.

Conclusione: «Indossare le mascherine in pubblico – dicono gli autori dello studio – corrisponde al mezzo più efficace per prevenire la trasmissione interumana» di Sars-CoV-2, «e questa pratica non costosa, in combinazione con il distanziamento sociale simultaneo, la quarantena e il tracciamento dei contatti, rappresenta la via probabilmente più efficace per fermare Covid-19». Con buona pace dei ‘no-mask’.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Buongiorno,
    Ho un dubbio e non riesco a capire come risolverlo
    Vivo in Campania
    Io ho constatato purtroppo che in alcuni casi ho una reazione allergica a determinati disinfettati, alla fine ho sempre preferito usare il mio che porto regolarmente e che nei negozi mostro indicando che uso il mio.
    In questi giorni però mi è stato detto che non è possibile usare il proprio, io però non voglio rischiare, cosa devo fare?
    è davvero così sono obbligata a usare il disinfettante da chi mi viene dato?
    e se è cos’ non posso più andare in determinati posti o posso fare una ricetta medica che indica il mio problema?
    Non so a chi chiedere e il pdf della legge non sembra indicare l obbligo a uno o un altro determinato disinfettante, potreste aiutarmi
    Grazie infinite

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube