Assegno più basso per chi va in pensione dal 2021

13 Giugno 2020 | Autore:
Assegno più basso per chi va in pensione dal 2021

Rivisti al ribasso i coefficienti di trasformazione del montante contributivo. La modifica non interessa chi percepisce già il trattamento.

Chi andrà in pensione dal 2021 si ritroverà un assegno più basso rispetto a quello attuale per via dell’abbassamento della quota contributiva. Lo ha stabilito il decreto del 1° giugno scorso relativo alla revisione triennale dei coefficienti di trasformazione di tale quota. Il decreto è stato pubblicato giovedì scorso sulla Gazzetta Ufficiale.

Che cosa cambia? Fino ad ora, i coefficienti di trasformazione del montante contributivo erano compresi tra il 4,20% per chi lasciava il lavoro a 57 anni di età ed il 6,513% per chi andava in pensione a 71 anni. Tali percentuali ora si riducono, rispettivamente, al 4,186% e al 6,466%.

Per fare un esempio.

Un’impiegata statale va in pensione a 67 anni, con meno di 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995 e con una quota contributiva dal 1° gennaio 1996 e un montante contributivo di 681mila euro. Il suo assegno complessivo passerà da 64.000 euro a 63.700 euro, cioè prenderà 300 euro in meno di pensione.

Va leggermente meglio a chi ha accumulato nell’arco della sua vita lavorativa almeno 18 anni di contributi entro la fine del 1995, visto che la quota contributiva viene calcolata dal 1° gennaio 2012 e, pertanto, a fronte di un montante contributivo di 100mila euro, derivante da uno stipendio annuo di 30mila, la quota C di pensione scenderà da 5.604 euro a 5.575 euro, con un taglio di 29 euro lordi annuali. Anzi: per loro l’impatto potrebbe essere nullo, per effetto del doppio calcolo previsto dalla legge n. 190/2014, dove non è prevista la quota contributiva.

Va subito precisato che i nuovi coefficienti non interesseranno dal 1° gennaio 2021 le pensioni attualmente erogate o quelle a cui si accederà fino alla fine di quest’anno.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. buongiorno sono Vincenzo nato il 11/08/1959 nel 2021 ho la possibilità a dicembre di andare via con quota cento, oppure a maggio 2022 con la legge Fornero con il massimo
    secondo gli esperti quale sarebbe la scelta più giusta
    e se la DIFFERENZA e tanta tra Fornero e q. 100

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube