Business | Articoli

Obbligatorio rispondere ai questionari Istat

17 Agosto 2014
Obbligatorio rispondere ai questionari Istat

Periodicamente l’Istat invia, all’azienda in cui lavoro, una serie di questionari per la raccolta di vari dati previsti nei programmi statistici nazionali. La nostra impresa rientra nel campo di osservazione delle indagini e, pertanto, è tenuta a fornire le indicazioni richieste, pena l’applicazione di sanzioni. Non c’è un modo legittimo di non rispondere ai questionari dell’Istat senza incorrere in sanzioni? La compilazione è per l’azienda un impegno non indifferente, perché i dati richiesti sono molteplici e di non facile reperimento.  

La legge [1] prevede l’obbligo di fornire dati statistici richiesti dall’ Istituto nazionale di statistica e dispone che coloro i quali, richiesti di dati e notizie, non li forniscono, ovvero li forniscono scientemente errati o incompleti, sono soggetti a una sanzione amministrativa pecuniaria che viene quantificata:

1. nella misura minima di 206,58 euro e massima di 2.065,83 euro per le violazioni da parte di persone fisiche;

2. nella misura minima di 516,46 euro e massima di 5.164,57 euro per le violazioni da parte di enti e società.

In merito, un suggerimento d’ordine pratico è quello di inviare all’ente richiedente una motivata e documentata istanza di esonero, considerata l’insostenibile gravosità dell’onere derivante dalla lavorazione dei dati richiesti, o di chiedere che venga ristretto il campo delle richieste a elaborazioni standard già pianificate, che in ogni caso l’azienda deve effettuare per proprie esigenze, quali, ad esempio, elaborazioni di magazzino, o di mercato, o fiscali.


note

[1] Dlgs 6 settembre 1989, n. 322, art. 7.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Ho appena scritto una PEC all’ISTAT, indicando che mia moglie, proprietaria dell’attività, ha un cancro e che per ovvie ragioni stiamo diminuendo il lavoro relativo all’attività e altre incombenze che portano via tempo, tra cui la rilevazione mensile. Facendola breve mi hanno risposto che esiste una legge e che ci dobbiamo adeguare, pena le sanzioni.

    1. Per la mia azienda diverse volte, per mancanza di tempo e/o personale, non ho risposto ai Censimenti; non mi è mai arrivata nessuna sanzione…

  2. Buongiorno,
    chiedo cortesemente se le telefonate mensili dell’ISTAT per le attività commerciali saranno perenni fino a quando non chiudo il negozio? Sono oltre 10 anni che rispondo.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube