Cronaca | News

Fondi di Chavez al M5S: il testo in italiano del documento

15 Giugno 2020 | Autore:
Fondi di Chavez al M5S: il testo in italiano del documento

La traduzione completa della lettera pubblicata questa mattina dal quotidiano spagnolo Abc e smentita dai grillini e dal Venezuela.

E ora partono le querele. Il Movimento 5 Stelle non solo smentisce categoricamente le informazioni pubblicate questa mattina dal quotidiano conservatore spagnolo Abc, secondo cui il regime venezuelano di Hugo Chavez avrebbe finanziato il M5S nel 2010, ma annuncia anche che si rivolgerà al tribunale. Lo conferma all’agenzia Adnkronos il dirigente grillino Davide Casaleggio: «Tutto totalmente falso. È una fake news uscita più volte, l’ultima nel 2016. Dalle smentite – promette Casaleggio – ora passeremo alle querele».

Secondo il giornale di Madrid, nel luglio 2010, il Governo del Venezuela ancora presieduto da Chavez avrebbe fatto avere al Movimento una valigetta contenente tre milioni e mezzo di euro in contanti tramite un contatto presso il Consolato di Milano. I soldi dovevano essere ritirati da uno dei fondatori del M5S, Gianroberto Casaleggio, «in quanto promotore – si legge nel documento ufficiale dell’intelligence di Caracas e pubblicato da Abc – di un movimento di sinistra, rivoluzionario e anticapitalista nella Repubblica italiana». L’articolo è accompagnato da due editoriali. Uno dal titolo «Auge e caduta di un movimento diviso» e l’altro sulle «Colonie europee di Chavez e Maduro».

La smentita, però, non arriva solo dal Movimento 5 Stelle ma anche dal Venezuela, dove fonti diplomatiche assicurano che il documento finito sulle pagine del quotidiano spagnolo, datato il 5 luglio 2010 e timbrato per ricevuta dall’Archivio Generale dell’intelligence di Caracas, «è un falso».

Ecco il testo completo del documento, redatto su carta intestata della «Repubblica Bolivariana del Venezuela – Ministero della Difesa – Direzione Generale di Intelligenza Militare – Affari Speciali».

Il mittente è proprio il direttore degli Affari Speciali. Il destinatario, la Direzione Generale dell’intelligence. La data, come detto, è il 5 luglio 2010.

La traduzione letterale in italiano è la seguente:

«Ho l’onore di rivolgermi a Lei nell’occasione di informarLa sulla situazione accaduta nella Repubblica italiana riportata da una rappresentanza militare del Venezuela in quel Paese.

In riferimento alla raccomandazione di un nostro funzionario presso la rappresentanza militare, sulla possibilità di indagare circa l’origine di una valigia contenente degli euro in contanti inviata al console della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Milano.

Si è potuto sapere che, in effetti, è stata inviata una valigia con 3,5 milioni di euro in contanti, provenienti dalle spese segrete del Paese amministrati dal Cittadino ministro dell’Interno Tarek El Aissami, avallati e autorizzati dal Cancelliere Nicolas Maduro (a quei tempi, ministro degli Esteri, ndr). L’invio è stato effettuato in modo sicuro e segreto tramite valigia diplomatica. La destinazione del denaro nella sua totalità è per il cittadino italiano di nome Gianroberto Casaleggio, che è il promotore di un movimento di sinistra, rivoluzionario e anticapitalista nella Repubblica italiana.

Sono state date delle istruzioni verbali al nostro funzionario in Italia affinché non si continui ad informare su questa vicenda, che può diventare un problema diplomatico tra entrambi i Paesi».

Seguono data, timbro blu dell’Archivio Generale per ricevuta, la firma del mittente ed un altro timbro, questa volta rosso, su cui si legge: «Segreto».


note

Autore immagine: Abc.es


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube