Business | Articoli

Come investire e creare una solida asset allocation

18 Agosto 2014
Come investire e creare una solida asset allocation

Portafoglio da costruire in 4 mosse: il percorso suggerito dai consulenti finanziari.

“Ho i fondi azionari che hanno raggiunto i massimi. Se vendo dove posso reinvestire?”. “Ho deciso di uscire da quel titolo di Stato. Ora è conveniente vendere ma non ho alternative di investimento”. Sono un paio di esempi di richieste di informazioni che arrivano dai nostri lettori soprattutto d’estate quando, in procinto di partire, si vorrebbero chiudere posizioni aperte.

 

Stabilire gli obiettivi

Per reggere lo stress da mercati bisogna aver costruito un buon portafoglio d’investimenti. Vi suggeriamo un esperimento in quattro mosse. La prima: prendete un foglio bianco e appuntate gli obiettivi che considerate per voi fondamentali nei prossimi anni. È ciò che vi chiederà qualunque consulente finanziario a cui andrete a domandare consiglio. “Gli obiettivi di vita devono essere concreti, personali e misurabili – spiega Ida Pagnottella, consulente di Cfi Advisors –. In più bisogna evidenziare la data entro cui raggiungere l’obiettivo e la cifra necessaria”.

 

Quanto rischiare

Fatto il primo passo, bisognerà poi realizzare un “esame di coscienza” e decidere quanto si è disposti a rischiare. “Si chiama propensione al rischio ed è la capacità personale di accettare variazioni del proprio patrimonio nel breve periodo – ricorda Roberto D’Addario, consulente finanziario (RDfinanza) –. Raggiungere tale consapevolezza richiede del tempo ma consentirà al risparmiatore di capire rischi e opportunità”. Alla fine, anche con l’aiuto di un esperto o un consulente, si stabilisce il personale profilo di rischio, focalizzando la propria attenzione sugli obiettivi.

Il periodo giusto

La terza tappa per un solido portafoglio è decidere l’arco temporale dell’investimento. L’obiettivo da raggiungere può essere uno (l’acquisto della casa per esempio), ma un risparmiatore può avere anche più obiettivi. “È quindi necessario creare un portafoglio per ogni obiettivo – rileva D’Addario – identificando l’arco temporale che può essere di breve (2-3 anni), di medio (3-5 anni) o di lungo periodo (oltre i 5 anni)”.

L’ingresso sul mercato

Quarta e ultima tappa è l’acquisto degli strumenti finanziari da inserire nell’asset allocation (portafoglio). “Fino a questo punto del percorso, l’investitore ha concentrato l’attenzione sulle proprie esigenze e necessità – aggiunge D’Addario –. Ora bisogna confrontarsi con il mercato. Per ottimizzare al massimo il timing è necessario valutare una serie di dati economici fondamentali, oltre ad analizzare il sentiment di mercato e altro ancora. Se però vogliamo sintetizzare questi concetti, il messaggio è: non agire in base all’emotività”.

Dalla teoria alla pratica

I consulenti tengono a precisare che la teoria è importante: siamo d’accordo e questo giornale da anni è impegnato sul versante dell’educazione finanziaria.

Ma bisogna essere anche pragmatici e passare poi alla fase operativa. Ecco perché abbiamo chiesto ai consulenti un caso concreto per capire nella pratica come viene creato un portafoglio. “Facciamo l’esempio della coppia di dipendenti giovani, sulla trentina, con due figli piccoli – spiega Pagnottella –. Hanno stipendi sufficienti alla copertura del mutuo in essere sulla prima casa; un patrimonio di 100 mila euro e un profilo di rischio medio. Il loro obiettivo è il mantenimento del potere di acquisto del patrimonio al fine di rispondere alle esigenze di istruzione futura dei figli piccoli». Il consulente rileva che la coppia aveva inizialmente un basso profilo di rischio. «Ma dopo aver acquisito semplici concetti di finanza e preso consapevolezza dei propri bisogni – viene aggiunto – sono giunti alla definizione di un profilo di rischio medio”.

L’asset allocation è stata determinata investendo il patrimonio in un 15% di oro, 15% di azioni, 10% di obbligazioni in valuta estera, 50% di obbligazioni in euro di emittenti solidi, 10% di liquidità. «L’obiettivo è di lungo periodo ma almeno una volta l’anno è necessario un check up al portafoglio – conclude Pagnottella –. È infatti necessario confrontarsi con quanto avviene sui mercati per qualche piccolo aggiustamento di percorso».

 

IL SIGNIFNICATO DELLE PAROLE TECNICHE

Asset allocation

L’asset allocation (allocazione del patrimonio) consiste nella distribuzione delle risorse tra le classi di attività finanziarie (azioni, obbligazioni, liquidità) e aree geografiche (area euro, Usa e così via). Obiettivo: raggiungere un grado ottimale di diversificazione.

Diversificazione del portafoglio

La diversificazione del portafoglio è la strategia chiave per minimizzare i rischi di investimento. Indica una pratica semplice, ma efficace: la suddivisione del capitale tra numerosi strumenti finanziari, distinti e possibilmente decorrelati tra loro. Una buona diversificazione si attua quindi su più livelli.

Orizzonte temporale

È un arco di tempo nel quale si valuta la bontà di un investimento. Non esiste un orizzonte temporale breve o lungo in senso assoluto ma va contestualizzato al momento di mercato e agganciato agli obiettivi che il risparmiatore/investitore ha deciso di raggiungere.

Profilo di rischio

Il profilo del rischio del risparmiatore deve essere valutato prendendo in considerazione numerosi fattori: dalla conoscenza degli strumenti finanziari all’esperienza in materia di investimenti, dall’orizzonte temporale agli obiettivi che si prefigge.

Risk free

Le obbligazioni emesse da uno Stato erano abitualmente considerate in passato risk free (senza rischi). Ma la crisi finanziaria ed economica di parecchi Paesi Ue periferici ha dimostrato che oggi non è più così. In finanza c’è un detto: “Non vi sono pasti gratis”. Ora vale anche per i bond governativi.

Volatilità dei mercati

Con la parola volatilità si intende la variabilità dei rendimenti di un investimento, normalmente associata all’imprevedibilità dei movimenti del prezzo stesso. Viene misurata dalla standard deviation, che stima la tendenza dei prezzi ad allontanarsi dalla loro media.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube