Conte: la soluzione per evitare la patrimoniale

15 Giugno 2020
Conte: la soluzione per evitare la patrimoniale

Il premier ha dichiarato che non è all’orizzonte quest’anno e nel prossimo; il risparmio sarà indirizzato verso obiettivi specifici, come le emissioni di Btp.

Il tema della tassa patrimoniale si arricchisce di un nuovo capitolo: oggi il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha escluso nettamente il ricorso a questo tipo d’imposta e ha indicato qual è la soluzione alternativa per far quadrare i conti pubblici.

«Non c’è assolutamente una patrimoniale nel nostro orizzonte di quest’anno o del prossimo anno», ha assicurato il premier, rispondendo alle domande dei cronisti in conferenza stampa a Palazzo Chigi, per come ci riferisce la nostra agenzia stampa Adnkronos.

Poi ha aggiunto: «Il risparmio privato è una risorsa del nostro Paese, lo stanno dimostrando le emissioni di Btp». E adesso – ha proseguito Conte – «dobbiamo cercare di sollecitare che questo risparmio si indirizzi verso obiettivi specifici».

A questo punto, Conte ha invitato ad immaginare «la transazione energetica finanziata dal risparmio degli italiani», riferendosi ai prossimi investimenti in programma per realizzare a livello europeo la Green economy con la transazione ambientale che dovrà avvenire entro il 2030 secondo un piano già stabilito dalla Commissione Ue prima dell’emergenza Coronavirus.

Da qui, il presidente del Consiglio ha ribadito che «il risparmio privato è una forza del nostro Paese, ma non in termini di una tassa patrimoniale ma di coinvolgimento in progetti». Intanto, proseguono gli Stati generali per delineare i contenuti di queste proposte di riforma. Per quanto riguarda le emissioni di Btp alle quali ha accennato il premier Conte, dopo il successo straordinario del Btp Italia ora il Tesoro punta a ripetere l’esperienza con il nuovo Btp Futura destinato ai piccoli risparmiatori e che sarà collocato ai primi di luglio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube