Il decreto sulla nuova cassa integrazione

16 Giugno 2020 | Autore:
Il decreto sulla nuova cassa integrazione

Il Consiglio dei ministri approva il provvedimento per anticipare il prolungamento dell’ammortizzatore sociale. Intervento anche sul reddito di emergenza.

Il Consiglio dei ministri ha approvato ieri sera il decreto che consente alle imprese che hanno completamente esaurito le 14 settimane di cassa integrazione di emergenza di «fruire delle ulteriori 4 settimane» anche per periodi antecedenti al 1° settembre.

Il testo rimedia in questo modo un problema creato dal dl Rilancio, che ha allungato di altre 9 settimane gli ammortizzatori emergenziali, arrivando a 18 settimane totali ma che, per questioni di risorse, ha previsto un meccanismo in due passaggi. Il primo, le nuove 5 settimane, attivate in automatico a chi ha esaurito le prime 9 introdotte dal decreto Marzo. Il secondo, le ulteriori 4 settimane utilizzabili invece dal 1° settembre al 31 ottobre. Si era creato, così, un «buco» che penalizzava imprese che, per prime, avevano attivato la cassa integrazione Covid-19 all’inizio della crisi, tenendo anche conto del divieto di licenziamento attualmente in vigore fino al 17 agosto.

Ora, invece, il decreto ammorbidisce lo scalino temporale del 1° settembre, consentendo di anticipare le 4 settimane ulteriori senza bisogno di attendere la fine di agosto. Il provvedimento fissa anche un termine di 45 giorni affinché l’azienda inoltri il modello Sr41 che fa scattare i pagamenti (la previsione è a pena di decadenza – vuol dire che se non lo fa, il datore deve poi versare lui il sussidio ai lavoratori). Si interviene anche in tema di reddito di emergenza, allungando dal 30 giugno al 30 luglio il termine per presentare le domande, visto che finora l’interesse suscitato da questo sussidio è stato piuttosto scarso rispetto alle previsioni.

Da aggiungere, per quanto riguarda la cassa integrazione, che sono ancora circa decine di migliaia i lavoratori in attesa di essere pagati dall’Inps.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube