Coronavirus: un nuovo cocktail di anticorpi promettente

16 Giugno 2020
Coronavirus: un nuovo cocktail di anticorpi promettente

Negli Stati Uniti sono in corso gli studi sull’uomo. I ricercatori si sono concentrati sugli anticorpi che colpiscono la Spike e impediscono l’ingresso di Sars-CoV-2 nelle cellule ospiti.

Dopo due studi che hanno esaminato migliaia di anticorpi umani contro Sars-CoV-2 per identificare i candidati più potenti, ora, negli Stati Uniti, viene testato sull’uomo un cocktail di anticorpi monoclonali.

Questo approccio, spiegano gli autori su ‘Science’, è progettato non solo per essere efficace come trattamento, ma anche per proteggere dalla resistenza anticorpale che potrebbe insorgere in risposta alla pressione selettiva di singole terapie anticorpali, già protagoniste di sperimentazioni contro Covid-19. Uno dei lavori, pubblicati su ‘Science’, porta la firma di Alina Baum e Christos A. Kyratsous dell’azienda Usa Regeneron Pharmaceuticals mentre l’altro è firmato dagruppo di Johanna Hansen di Regeneron Pharmaceuticals. Ad aggiornarci su questi studi è una nota stampa dell’agenzia Adnkronos.

Covid-19: gli studi 

In un primo studio, il gruppo di Hansen usando topi geneticamente umanizzati e cellule B derivate da pazienti guariti da Covid -19, ha isolato migliaia di anticorpi completamente umani mirati contro il nuovo coronavirus, con varie proprietà e un’attività antivirale. Da questa ‘miniera’ sono state selezionate coppie di anticorpi altamente potenti in potenzialmente in grado di bersagliare il RBD (Receptor Binding Domain) della Spike. In un secondo studio il gruppo di Baum siè focalizzato su quattro di questi anticorpi. Gli autori li hanno testati contro una vasta gamma di varianti del RBD della Spike.

Per esplorare ulteriormente il potenziale di questi anticorpi e il rischio di sviluppare una resistenza, gli autori hanno generato uno pseudo virus Sars-Cov-2 (VSV-Sars-CoV-2-S) che esprime la proteina Spike. Coltivando lo pseudovirus con concentrazioni sub-neutralizzanti dei loro anticorpi, i ricercatori havisto emergere delle mutazioni, indizio di quelle che potrebbero insorgere mentre la pandemia continua. Per alcune combinazioni dei quattro anticorpi questo fenomeno si è ancora registrato, cessando solo quando gli scienziati hanno usato combinazioni di anticorpi che non erano in competizione fra loro o che erano parzialmente in competizione per legarsi al RBD.

Gli autori di entrambi gli studi affermano che i loro dati supportano fortemente l’uso della doppia terapia anticorpale (il cocktail, appunto) in cui sono stati scelti due anticorpi in modo da legarsi a regioni distinte e non sovrapposte del bersaglio virale. “L’inclusionedi tali anticorpi in un cocktail – afferma Hansen – può fornire una potenza antivirale ottimale minimizzando le probabilità di fuga del virus”. Il cocktail di anticorpi è ora in fase di sperimentazione in due studi sull’uomo negli Usa.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube