Lifestyle | News

Sesso e quarantena, come il lockdown ha condizionato l’intimità

16 Giugno 2020
Sesso e quarantena, come il lockdown ha condizionato l’intimità

«Bilancio» in rosso per gli italiani chiusi in casa per la pandemia: le coppie, conviventi e non, sembrano non aver beneficiato affatto del lungo isolamento.

Altro che più tempo per se stessi, il partner e l’intimità. Il lockdown per via del Coronavirus ha sancito un vero e proprio calo della libido per gli italiani blindati in casa per colpa del virus. Il dato proviene da un’indagine condotta da Durex, noto produttore di preservativi, lubrificanti e sex toys. Il campione è composto da una platea di cinquecento intervistati, tra i 16 e i 55 anni. L’83% dei partecipanti al sondaggio, infatti, ha parlato di un calo del desiderio o, comunque, di una diminuzione dell’attività sessuale, contro un 23% di persone che non hanno registrato mutamenti né in positivo né in negativo rispetto al periodo pre-lockdown.

Non che non si volesse cogliere l’opportunità, tutt’altro: ci sono, infatti, solide motivazioni per questo stato di cose, tutte collegate alla pandemia e allo stesso lockdown, che avrà pure aumentato il tempo in casa, ma anche una buona dose di preoccupazioni.

Ansia e paura del contagio figurano tra le prime ragioni di questo «astensionismo», sensazioni intimamente collegate all’epidemia e al trambusto che ha portato nelle nostre vite. Vero è che si è rimasti più nelle proprie abitazioni, ma anche è vero che, insieme ai genitori, c’erano i bambini, il che non ha reso propriamente più semplice la vita di sessuale. Ha inciso anche molto il distanziamento sociale: sappiamo tutto del dibattito sui fidanzati, che tanto ha infiammato l’opinione pubblica, che non riusciva giustamente a capacitarsi di come non ci si potesse ricongiungere – a proposito di congiunti – alle proprie metà.

«La pandemia ci ha costretti all’isolamento – commenta Sonia De Balzo, sessuologa specialista in psicologia clinica e dello sviluppo dell’ospedale Cotugno di Napoli -. Questa condizione ha generato degli effetti psico-sessuali a breve e a lungo termine. Aumentati i sentimenti di ansia, ossessività, compulsività per il contagio ed effetti simil depressivi; si sono drasticamente ridotte le pratiche sessuali, compreso il petting, con i partner occasionali ma anche con il partner stabile».

La parte del sondaggio dedicata ai single mostra un panorama differenziato, seppur nella generale mestizia. È andata meglio per coloro che avevano frequentazioni occasionali: il 93% di questi ha registrato una riduzione dei rapporti sessuali, anche perché gli incontri occasionali sono scesi drasticamente dal 34%al 3%. Punte del 98% vengono toccate dai cosiddetti «single puri», che non stavano uscendo con nessuno prima del lockdown.

Masturbazione e film porno si sono mantenuti costanti. Come evidenziano i numeri, sono stati i rapporti sessuali con i partner ad avere un crollo, anche per un fattore peculiare del distanziamento sociale: inizialmente, non ammetteva contatti tra non conviventi. E gli italiani si sono adeguati alle regole, considerando che la drastica riduzione dei rapporti sessuali ha interessato il 95% delle coppie non conviventi. Chi coabita, invece, ha registrato un calo dei rapporti nel 65% dei casi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube