Covid-19, biologo Bucci: «Il virus non è scomparso»

17 Giugno 2020
Covid-19, biologo Bucci: «Il virus non è scomparso»

L’esperto precisa: «Difendo chi non abbandona prudenza e non rilascia dichiarazioni improntate ad ottimistiche certezze».

L’andamento della curva dei contagi fa ben sperare in questo periodo, ma ciò che ribadiscono gli esperti è non abbassare la guardia e continuare a mantenere il distanziamento sociale di almeno un metro, indossare le mascherine e lavare accuratamente le mani. Norme igienico sanitarie che bisogna osservare nella nostra quotidianità per evitare la diffusione del contagio del Covid-19.

Il biologo Enrico Bucci, professore aggiunto alla Temple University di Filadelfia (Usa), precisa su Facebook “Non credevo fosse necessario, ma evidentemente mi sbagliavo. Tocca difendere il lavoro di chi, guardando ai dati, non abbandona un atteggiamento di prudenza nella loro interpretazione e non rilascia dichiarazioni improntate ad ottimistiche certezze. Questa difesa è divenuta necessaria perché la narrativa del ‘virus è finito‘ si è fusa con quella che afferma ‘è stata tutta una montatura‘: come nelle più classiche reazioni post-traumatiche. Va ribadito che il virus non è affatto scomparso – nemmeno in Italia – e che quindi è esigenza di sicurezza nazionale continuare e potenziare il monitoraggio – con metodi che vanno dall’analisi sierologica al tracciamento dei contatti di chi risulta positivo al tampone, al controllo a campione”.

“La prudenza dei ricercatori deriva dall’applicazione rigorosa del metodo scientifico, e non è legata ad un atteggiamento personale, ma ausare correttamente gli strumenti cognitivi di cui essi dispongono: sicché anche oggi, in presenza degli annunci su ottimi risultati ottenuti con un antinfiammatorio nel trattamento dei pazienti che necessitano di ossigeno, io posso essere contento come essere umano, come lo fui quando furono annunciati i risultati del vaccino di Moderna o del Remdesivir, ma – rimarca Bucci – chiedo di vedere i dati prima di esprimermi, e mi piacerebbe che non fossero fatti annunci fino a quel momento; ed anche quando i risultati sono resi disponibiliattraverso una pubblicazione su riviste pur prestigiose, pretendo la possibilità di poter analizzare i dati primari, per evitare casi come quello che ha portato ‘Lancet’ e ‘Nejm’ a ritrattare i lavori in cui era implicata Surgisphere’.

“Certo, l’analisi rigorosa dei dati richiede tempo; ma l’analisi è un processo incrementale, sicché, a patto che vi siano elementi da valutare oltre alle dichiarazioni stampa, fin da subito si può esprimere una valutazione preliminare, da raffinare via via che si approfondisce; questo è il lavoro mio e di qualunque ricercatore che non si fermi ai titoli e agli abstract delle pubblicazioni scientifiche”, osserva il biologo.

Che argomenta ancora: “Si accusa chi non si sbilancia e resta prudentedi essere un pessimista; e chi porta elementi di riflessione, non in linea con l’idea che ormai siamo liberi dal virus, di essere un catastrofista ed un terrorista. A quelli che lanciano simili accuse, io dico di smetterla di usare il termine catastrofismo ogni volta che non si convoca una festa per la riapertura. Lo dico specialmente a quegli stessi che, quando io ed altri illustravamo i rischi e le azioni da intraprendere prima ancora dei casi di Codogno, escludevano pericoli e già allora rivolgevano le stesse accuse”.

“Per un ricercatore, uno scienziato, un clinico, la sobrietà e la prudenza dovrebbero essere metodo di comunicazione acquisito, una seconda pelle del metodo scientifico; per cui – afferma Bucci – da questo momento, chiunque utilizzi l’aggressione verbale insita nelle accuse di catastrofismo o terrorismo verso il sottoscritto, verso altri ricercatori o comunque in maniera immotivata, sarà accompagnato alla porta”, conclude.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. Si ma allora mettetevi d’accordo. Uno dice una cosa, poi arriva l’altro che dice che va meglio. Poi, leggo che a Pechino esplode di nuovo un focolaio. Ma allora cosa dobbiamo fare? Non me la prendo con voi che ci mancherebbe ci tenete aggiornati, ma con questi scienziati che dovrebbero rassicurarci o quantomeno farci capire che cosa sta succedendo e a che punto siamo. perché se stamattina arriva sivestri che invita all’ottimismo, poi leggo di questo biologo bucci che mi dice il contrario e noi lettori un po’ siamo disorientati tra tutti questi esperti che vogliono dire la loro

  2. Allora, io continuerò a rispettare queste regole: mascherina, guanti e distanza di sicurezza. Il problema sono gli altri che fanno tutt’altro perché pensano che sia tutto passato. Poi, giustamente arriva un biologo come lui che dice di stare ancora attenti, ma la gente magari non se lo fila perché preferisce leggere cavolate suo social e sulle altre pagine ignoranti

  3. L’altro giorno avevate scritto che i raggi del sole e delle lampade possono essere “un’arma” per combattere il coronavirus. Potreste ripostarmi l’articolo su quello studio? grazie mille

    1. A dimostrare l’alto potere germicida della luce ultravioletta sono stati gli scienziati italiani con più ricerche. I risultati dei due lavori in attesa di pubblicazione su riviste internazionali sono al momento visibili in due preprint dell’archivio internazionale Medrxiv, nella sezione speciale dedicata a Covid-19. Ecco l’articolo che cercavi: Coronavirus: Sole e lampade artificiali possono ucciderlo https://www.laleggepertutti.it/408381_coronavirus-sole-e-lampade-artificiali-possono-ucciderlo

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube