Annullate le cartelle sotto i 1.000 euro

18 Giugno 2020 | Autore:
Annullate le cartelle sotto i 1.000 euro

Ordinanza della Cassazione: va tenuto conto dell’importo al netto dell’aggio della Riscossione e degli interessi di mora.

Il contribuente che ha un conto in sospeso con il Fisco ha diritto al saldo e stralcio del debito fino a 1.000 euro. Questo importo, però, non va calcolato sul totale della cartella, ma al netto dell’aggio dell’Agenzia delle Entrate Riscossione e degli interessi di mora. Lo ha stabilito la Cassazione in un’ordinanza appena depositata [1].

L’annullamento interessa le cartelle affidate alla Riscossione tra il 1° gennaio 2000 ed il 31 dicembre 2010 ed individuate in base a tre elementi: la sorte capitale, gli interessi per ritardata iscrizione a ruolo e le sanzioni che risultano dai singoli carichi.

Significa, secondo la Suprema Corte, che l’importo massimo da tenere in considerazione per l’annullamento automatico della cartella deve essere riferito al debito di importo residuo comprensivo di sorte capitale, sanzioni e interessi. Quello di cui non si deve tenere conto è la cifra relativa a interessi di mora ed aggio dell’Agenzia di Riscossione.

Il limite, comunque, riguarda ogni singolo debito, ovvero ogni singolo carico affidato all’Aer. Quindi, per fare un esempio, se una cartella contiene un debito complessivo di 2.000 euro ma a questa cifra si arriva con quattro carichi pendenti da 500 euro ciascuno, la cartella va annullata. Bisogna, infatti, prendere come riferimento il ruolo, cioè la singola imposta riscossa. Ne abbiamo parlato in maniera approfondita nell’articolo “Mini cartelle cancellate dai giudici“.

Sempre secondo l’ordinanza della Cassazione, l’iscrizione ipotecaria prevista dalla legge per i debiti tributari non pagati – si tratta dell’ipoteca fiscale – non costituisce atto dell’espropriazione forzata ma deve riferirsi ad una procedura alternativa all’esecuzione forzata vera e propria. Procedura che può essere avviata anche senza la notifica dell’intimazione, che normalmente si prescrive se l’espropriazione non è iniziata entro un anno dalla notifica stessa della cartella.


note

[1] Cass. ord. n. 11817/2020 del 18.06.2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube