Notifica nulla al fratello se il contribuente vive altrove

19 Giugno 2020 | Autore:
Notifica nulla al fratello se il contribuente vive altrove

La Cassazione: la consegna dell’atto non chiede né il solo rapporto di parentela né il requisito di convivenza del familiare.

Se il Fisco notifica un atto al fratello di un contribuente ma quest’ultimo risiede formalmente in un altro Comune, tale notifica è nulla. Lo ha deciso la Cassazione [1].

Secondo la Suprema Corte, infatti, «la consegna dell’atto da notificare a persona di famiglia, secondo quanto disposto dall’articolo 139 del Codice di procedura civile, non postula necessariamente né il solo rapporto di parentela – cui è da ritenersi equiparato quello di affinità – né l’ulteriore requisito della convivenza del familiare con il destinatario dell’atto, non espressamente menzionato dalla norma, risultando sufficiente l’esistenza di un vincolo di parentela o di affinità che giustifichi la presunzione che la persona di famiglia consegnerà l’atto al destinatario stesso».

Ad ogni modo, continua l’ordinanza della Cassazione, resta a carico di chi non ha ricevuto la notifica, cioè del contribuente, l’onere di provare «il carattere del tutto occasionale della presenza del consegnatario in casa propria, senza che a tal fine rilevino le sole certificazioni anagrafiche del familiare medesimo».


note

[1] Cass. ord. n. 11815/2020 del 18.06.2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube