Coronavirus: l’impatto della pandemia sulla cura del cancro

19 Giugno 2020 | Autore:
Coronavirus: l’impatto della pandemia sulla cura del cancro

L’appello agli italiani: «La prevenzione riprenda subito, per evitare una nuova epidemia di tumori».

Dopo i giorni più difficili della pandemia causata dal Covid-19 in Italia e il lockdown che ha congelato per quasi due mesi l’intero Paese, c’è un “tema scottante” che non si può ignorare: l’impatto diretto e indiretto del Coronavirus in oncologia. In questo periodo è stato registrato lo stop alla diagnosi precoce e agli screening, che sono il fondamento della guaribilità dei tumori. A rimarcarlo è stato il direttore scientifico dell’Istituto europeo di oncologia (Ieo) di Milano, Roberto Orecchia, e degli oncologi dell’Irccs, scelto dall’American Society of Clinical Oncology (Asco) per la divulgazione in Italia dei contenuti del suo importante convegno annuale di Chicago, quest’anno svolto in modalità virtuale.

L’appello, come riporta una nota stampa dell’agenzia Adnkronos, è il seguente: «La prevenzione riprenda subito, per evitare una nuova epidemia di tumori».

«Dobbiamo immediatamente impegnarci a recuperare le visite e gli esami, oltre che le terapie non effettuate nei mesi Covid – dice Orecchia – Bisogna intervenire subito perché, se non abbiamo potuto schivare l’inevitabile impatto del virus, ora possiamo però limitarlo.In questo processo conta l’organizzazione degli ospedali e dell’assistenza territoriale, ma conta anche la percezione della popolazione. Il rischio cancro c’è, ma a differenza di quanto avviene per i virus sconosciuti, sappiamo come difenderci. Quindi il nostro appello agli italiani è: tornate alla prevenzione, alle visite, agli ospedali, con urgenza, ma con serenità».

L’Ieo affronta il nodo prevenzione e diagnosi perse alla vigilia dell’appuntamento virtuale ‘Best of Asco – Asco20 Virtual’, organizzato sul web per sabato 20 e domenica 21 giugno e rivolto a tutta la comunità degli oncologi clinici italiani.

I dati legati all’emergenza sono impietosi: «In Italia, dove si fanno circa 1.000 diagnosi di cancro al giorno, le stime di Aiom (Associazione italiana di oncologia medica) valutano dalle 24mila alle 30mila diagnosi in meno nei mesi del lockdown. Per quanto riguarda gli screening la situazione dei ritardi è altrettanto seria», evidenzia Orecchia che è responsabile scientifico dell’incontro al via domani, insieme al direttore della Divisione nuovi farmaci e terapie innovative, Giuseppe Curigliano.

Secondo uno studio Nomisma gli screening oncologici non riprenderanno prima di settembre 2020, ed entro allora saranno eseguiti soltanto un terzo dei test preventivi mediamente effettuati in un anno per tumore del seno, del collo dell’utero e del colon. Il che significa che negli ultimi 4 mesi dell’anno dovranno essere eseguiti 1,2 milioni di test mammografici, 1,1 milioni di Pap test e circa 1,6 milioni di hemoccult.

All’estero non è andata meglio: «Il ‘Financial Times’ riporta che in Gran Bretagna nel mese di marzo le visite all’interno del sistema pubblico per sospetto tumore erano diminuite del 75%, che significa 30mila visite diagnostiche mancate ogni settimana, che corrispondono a2.300 pazienti lasciati senza cura – riepiloga Orecchia – Se si aggiungono i pazienti che normalmente si affidano alla sanità privata,i pazienti ‘persi’ diventano 4.500 alla settimana».

Durante l’evento scientifico sul convegno Asco Orecchia, Curigliano e i direttori di Programma Ieo illustreranno e condivideranno gli studi più rilevanti presentati. «Da molti anni il Asco porta buone notizie per i pazienti oncologici e anche quest’anno è stato così: i nuovi farmaci biologici sono sempre più numerosi e più efficaci – elenca Orecchia – anche per i tumori fino a ieri considerati pressoché inattaccabili dalle terapie mediche in fase avanzata, come quello del polmone, dell’ovaio o il melanoma. Tuttavia il tema centrale di quest’anno non poteva essere che l’impatto diretto e indiretto della pandemia Covid sulla cura del cancro».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube