Pagamento anticipato pensioni luglio 2020: tutte le date

19 Giugno 2020
Pagamento anticipato pensioni luglio 2020: tutte le date

Accredito in conto o sul libretto dal 24 giugno; per chi ritira in contanti, presentazione allo sportello nei giorni stabiliti. Consegna a casa per gli over 75.

Anche nella Fase 3 dell’emergenza Coronavirus continua ad applicarsi la regola del pagamento anticipato delle pensioni. Stavolta tocca a quelle del mese di luglio 2020: Poste italiane comunica che verranno accreditate a partire da mercoledì 24 giugno per i titolari di un libretto di risparmio, di un conto BancoPosta o di una Postepay Evolution.

Così, non appena ricevuto l’accredito, i titolari di carta Postamat, carta Libretto o di Postepay Evolution potranno prelevare i contanti da uno degli oltre 7.000 Atm Postamat diffusi sul territorio italiano, senza bisogno di recarsi allo sportello.

Chi invece ritira la pensione in contanti dovrà presentarsi allo sportello dell’ufficio postale rispettando la turnazione alfabetica prevista dal seguente calendario predisposto da Poste italiane:

  • cognomi dalla A alla B mercoledì 24 giugno;
  • dalla C alla D giovedì 25 giugno;
  • dalla E alla K venerdì 26 giugno;
  • dalla L alla O sabato mattina 27 giugno;
  • dalla P alla R lunedì 29 giugno;
  • dalla S alla Z martedì 30 giugno.

Le nuove modalità di pagamento delle pensioni – sottolinea la nota di Poste italiane che ci riporta l’Adnkronos – «hanno carattere precauzionale e sono state introdotte con l’obiettivo prioritario di garantire la tutela della salute dei lavoratori e dei clienti. Pertanto «ciascuno è invitato ad indossare la mascherina protettiva, ad entrare in ufficio solo all’uscita dei clienti precedenti, a tenere la distanza di almeno un metro, sia in attesa all’esterno degli uffici che nelle sale aperte al pubblico».

I cittadini di età pari o superiore a 75 anni che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli uffici postali, che riscuotono normalmente la pensione in contanti e che non hanno già delegato altri soggetti al ritiro della pensione, possono chiedere di ricevere gratuitamente le somme in denaro presso il loro domicilio, delegando al ritiro i Carabinieri. Esiste, infatti, un accordo tra l’Arma e le Poste, che consente agli anziani impossibilitati a recarsi allo sportello di ricevere la consegna dell’importo direttamente a casa, a cura del personale delle locali Stazioni dei Carabinieri che, indossando l’uniforme, provvederà al recapito del denaro a domicilio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube