Politica | News

Il piano del Governo per uscire dalla crisi

22 Giugno 2020 | Autore:
Il piano del Governo per uscire dalla crisi

Al termine degli Stati Generali, Conte illustra i punti sui quali l’Esecutivo intende concentrarsi: dal rilancio dell’occupazione al taglio delle tasse.

Rilancio dei consumi e dell’occupazione, modernizzazione del Paese, spinta ecologica. Sono questi i principali pilastri su cui si basa il piano del Governo per far ripartire l’Italia dopo lo stallo provocato dall’emergenza coronavirus. Ne ha parlato il premier, Giuseppe Conte, al termine degli Stati Generali che si sono svolti per una settimana a Villa Pamphilj, a Roma.

Un piano a medio termine che punta, ad esempio, a fare ulteriori passi avanti verso la definitiva transizione energetica, verso la digitalizzazione dei servizi pubblici e verso la realizzazione di nuove infrastrutture. Ma saranno gli interventi sul lavoro e sui consumi ad occupare principalmente il Governo. Non senza qualche grattacapo per Conte.

Sul fronte dell’occupazione, la decisione da prendere è se continuare a prorogare la cassa integrazione e il divieto di licenziare (come vorrebbe il Movimento 5 Stelle) oppure se utilizzare i soldi della cassa per aiutare le aziende ad assumere, come piacerebbe al Partito Democratico. Un dibattito acceso nella maggioranza sul quale ancora non c’è un accordo.

L’altro aspetto sul quale l’Esecutivo vuole intervenire in maniera decisa è quello della pressione fiscale: meno tasse, taglio del cuneo fiscale, sgravi sugli affitti. Ed una spinta ai consumi anche grazie ad un abbassamento dell’Iva, probabilmente solo per chi pagherà con carta di credito o debito. Su quest’ultimo punto, nulla è stato deciso. Ma la buona notizia (a meno di qualche colpo di scena) è che l’Iva non aumenterà.

Tutto questo comporterà la necessità di andare a bussare di nuovo in Parlamento per un’ulteriore richiesta di deficit, la terza dall’inizio dell’emergenza. Servirà uno scostamento di bilancio con un disavanzo più alto che peserà ancor di più sul debito pubblico.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube