I nuovi controlli della Guardia di Finanza

22 Giugno 2020
I nuovi controlli della Guardia di Finanza

L’attività riprende in modo mirato e selettivo, concentrandosi sulle evasioni più gravi e insidiose e sulle frodi realizzate mediante false fatturazioni.

Subito dopo la pubblicazione dei lusinghieri risultati ottenuti dalla Guardia di Finanza nel 2019 e nei primi mesi del 2020, che hanno compreso non solo la lotta all’evasione fiscale ma anche i controlli sulle speculazioni compiute da alcuni operatori durante l’emergenza Covid e quelli sugli indebiti percettori del Reddito di cittadinanza, il comandante generale delle Fiamme Gialle, Giuseppe Zafarana, spiega come si svolgerà l’azione del Corpo e in cosa consisteranno i nuovi controlli nei mesi a venire.

In un’intervista al Corriere della Sera, riportata dall’agenzia stampa Adnkronos, il generale Zafarana spiega innanzitutto che in questo periodo «di concerto con l’Agenzia delle Entrate, sono stati sospesi i controlli fiscali, eccezion fatta per quelli legati alle indagini in corso». Poi rivela che «nel tratto a venire l’attività di controllo fiscale riprenderà sì ma in modo molto mirato e selettivo, evitando azioni generalizzate e massive».

Il numero uno della Guardia di Finanza spiega che «l’intento è quello di circoscrivere l’azione del Corpo soprattutto ai fenomeni di evasione fiscale più gravi e insidiosi, soprattutto quelli di matrice internazionale, alle grandi frodi realizzate mediante false fatturazioni, al contrabbando di prodotti petroliferi», precisando che questa «è un’impostazione concettuale che la Guardia di Finanza segue da tempo».

Riguardo all’azione compiuta dal Corpo durante il lockdown, Zafarana spiega che si è trattato di «un’azione su più versanti. Innanzitutto abbiamo concorso a dare attuazione alle misure di sicurezza disposte dall’autorità di governo e indirizzato l’attenzione operativa sull’importazione e commercializzazione di attrezzature mediche e sanitarie e sulle procedure di acquisizione dei dispositivi di protezione individuale, dando avvio a investigazioni che hanno consentito di denunciare 850 persone per frode in commercio, truffa, ricettazione, manovre speculative su merci e sequestrare 27 milioni di prodotti illegali».

Ieri il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del 246esimo anniversario della fondazione, ha indirizzato alla Guardia di Finanza un messaggio definendo il Corpo «una moderna ed efficiente forza di Polizia vocata alla tutela della legalità in ambito economico e del regolare funzionamento dei mercati» e si è compiaciuto in particolare del «prezioso contributo» fornito dalle Fiamme Gialle per garantire l’osservanza delle misure di contenimento della diffusione del Coronavirus. Poi ha rilevato che «le donne e gli uomini della Guardia di Finanza si stanno prodigando ora per scongiurare che le contingenti difficoltà di famiglie e imprese possano essere strumentalizzate dalla criminalità organizzata attraverso il riciclaggio e l’usura nonché per assicurare che gli aiuti economici non siano oggetto di tentativi di sviamento e di appropriazione indebita».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube