App IO: che cos’è e come funziona

22 Giugno 2020 | Autore:
App IO: che cos’è e come funziona

Non solo bonus vacanze: quali altri servizi offre l’applicazione scaricabile per comunicare con la Pubblica Amministrazione.

Tutta la Pubblica Amministrazione a portata di mano. Questo è lo slogan dell’app IO, l’applicazione che ultimamente è stata pubblicizzata soprattutto per avere il bonus vacanze ma che, in realtà, serve a comunicare con gli Enti pubblici per usufruire di altri servizi: messaggi, avvisi, comunicazioni, promemoria. Che cos’è e come funziona l’app IO è quello che vedremo di seguito.

L’applicazione, ideata e sviluppata dal Team per la Trasformazione Digitale nell’ambito di un progetto gestito da PagoPA S.p.A., è ancora in versione Beta, con un numero limitato di servizi disponibili, tuttavia renderla scaricabile è un passo importante per cominciare a testarla su larga scala. La app IO, infatti, è la piattaforma pensata per permettere a tutti i cittadini di avere un nuovo e unico punto di accesso telematico ai servizi, alle informazioni e alle comunicazioni della Pubblica Amministrazione, consentendo quindi usare i servizi pubblici nazionali e locali dal proprio smartphone in maniera semplice, moderna e sicura.

Ma vediamo nel dettaglio che cos’è e come funziona l’app IO e come deve essere utilizzata per avere accesso ai bonus.

App IO: che cos’è?

L’app IO è un’applicazione che fa parte del progetto IO.it volto alla creazione di un solo punto di accesso telematico ai servizi delle amministrazioni pubbliche attraverso i dispositivi digitali (smartphone, tablet, ecc.), con l’obiettivo di superare la burocrazia.

Per definirla con parole del ministero dell’Innovazione tecnologica, «IO, è l’app dei servizi pubblici che trasforma il rapporto tra cittadino e Pubblica Amministrazione, mettendo le persone al centro e cancellando la complessità: un’unica interfaccia per accedere a tutti i servizi pubblici direttamente dallo smartphone dopo essersi identificati con l’identità digitale. Il cittadino attraverso IO potrà accedere a tutti i procedimenti che lo riguardano inclusi quelli relativi alla sua impresa grazie all’integrazione tra IO e impresa.italia.it gestito da Infocamere. E, in prospettiva, attraverso IO potranno essere accessibili anche servizi di pubblica utilità ma forniti dai privati».

IO consente, dunque, di interagire facilmente con diverse Pubbliche amministrazioni, locali o nazionali, raccogliendo tutti i loro servizi, comunicazioni, pagamenti e documenti in modo sicuro e sempre a portata di mano.

App IO: quali servizi offre?

Attraverso l’app IO è possibile accedere ai seguenti servizi:

  • scadenze: l’applicazione riceve messaggi, avvisi o comunicazioni, da qualunque Ente pubblico. Grazie agli avvisi in prossimità di una scadenza (la carta d’identità, il pass per accedere alla Ztl ecc.), l’utente resta sempre aggiornato e può aggiungere un promemoria direttamente sul calendario personale dello smartphone;
  • pagamenti: è possibile gestire in modo rapido e sicuro i pagamenti verso tutti gli Enti della Pubblica Amministrazione, grazie alla piattaforma pagoPA integrata nell’app. L’utente può associare all’applicazione i propri metodi di pagamento preferiti (per ora carte di credito e, prossimamente, anche Bancomat, Paypal, Satispay, ecc.) e usarli tutte le volte che vuole. Lo storico delle operazioni rimarrà disponibile nell’app;
  • notifiche: tramite l’applicazione è possibile ricevere delle informazioni utili, come un’allerta della Protezione civile, l’ingresso inavvertito in una zona a traffico limitato o la disponibilità presso un Ente pubblico di un nuovo documento che riguarda l’utente.

App IO e bonus vacanze

Ai servizi sopraelencati si è aggiunto anche il bonus vacanze, introdotto dal decreto Rilancio durante l’emergenza coronavirus per agevolare economicamente le famiglie che decideranno di soggiornare in una struttura alberghiera italiana dal 1° luglio al 31 dicembre 2020. Per poter richiedere e utilizzare il bonus, sarà necessario scaricare l’app IO.

Una volta scaricata l’applicazione dagli store di Apple o di Google, occorre accedere con il proprio Spid (il sistema di identità digitale), oppure con la carta d’identità digitale. Quest’ultima opzione è disponibile subito su Android, mentre sui dispositivi iOS lo sarà dal 1° luglio. Dopo la prima registrazione, l’accesso richiederà soltanto il Pin scelto dall’utente oppure il riconoscimento biometrico (impronta digitale o riconoscimento del volto).

Il passaggio successivo è quello che riguarda la dichiarazione dell’Isee. Occorre avere un Isee valido che non superi i 40mila euro. Sarà necessario accedere alla sezione «Pagamenti» dell’app IO e scegliere un nuovo Bonus/Sconto. Dalla lista dei bonus disponibili bisogna cliccare su «bonus vacanze» e poi seguire i passaggi richiesti.

A questo punto, verrà generato un Qr Code che sarà abbinato al bonus attribuito al tuo nucleo familiare. Il codice sarà leggibile dal telefonino in modo da poterlo mostrare all’albergatore quando sarà richiesto. Senza il Qr Code non si potrà avere lo sconto: l’esercente lo invierà all’Agenzia delle Entrate per via telematica in modo da ricevere l’autorizzazione all’applicazione del bonus.

Inoltre, il codice può essere inoltrato tramite la funziona «Condividi» ad un altro membro del nucleo familiare che non ha scaricato l’app: il bonus, infatti, è usufruibile da qualsiasi persona della famiglia, purché venga utilizzato una sola volta.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube