Moduli | Articoli

Modello domanda di trasferimento temporaneo

3 Agosto 2020
Modello domanda di trasferimento temporaneo

In alcuni casi, i dipendenti pubblici possono essere trasferiti temporaneamente presso un altro ufficio, se ricorrono determinati presupposti.

Sono molti gli istituti giuridici tipici del pubblico impiego che consentono ai dipendenti, vincitori di concorso presso una determinata amministrazione pubblica, di essere spostati presso un’altra amministrazione. In alcuni casi, il trasferimento è definitivo, come nell’ipotesi della mobilità. In altri casi, invece, si tratta di una modifica solo temporanea, come nell’ipotesi dell’assegnazione temporanea art 42bis o del comando. Ma esiste un modello domanda di trasferimento temporaneo?

Spesso, le amministrazioni predispongono dei moduli prestampati ma non esiste un obbligo di utilizzare questi moduli per chiedere il trasferimento temporaneo. Sarà sufficiente, se ricorrono i presupposti richiesti dalla legge, compilare una domanda che contenga tutti gli elementi che permettono all’amministrazione di verificare che il richiedente ha effettivamente diritto al trasferimento richiesto.

Assegnazione temporanea art 42bis: cos’è?

Uno dei principali strumenti che permette al dipendente pubblico di chiedere di essere spostato presso un’altra amministrazione pubblica è l’assegnazione temporanea art 42bis. Questa forma di mobilità del personale pubblico è stata introdotta dalla legge [1] per tutelare supremi interessi di rango costituzionale come la famiglia e la tutela dell’infanzia.

La disposizione prevede che il genitore con figli minori fino a tre anni di età, dipendente di amministrazioni pubbliche, può essere assegnato, a fronte di una sua richiesta in tal senso, per un periodo complessivamente non superiore a tre anni, fruibile anche in modo frazionato, ad una sede di servizio ubicata nella stessa provincia o regione nella quale l’altro genitore esercita la propria attività lavorativa.

L’istituto è stato pensato per favorire il ricongiungimento delle famiglie con figli piccoli, nelle quali i genitori sono entrambi lavoratori e lavorano in territori diversi, spesso anche molto lontani.

L’assegnazione temporanea art 42bis non determina un cambiamento definitivo della sede di lavoro del dipendente pubblico ma solo temporaneo. Terminati i tre anni, o il minore periodo per il quale è stata disposta l’assegnazione temporanea, il dipendente torna a prendere servizio presso l’amministrazione di provenienza.

Assegnazione temporanea art 42bis: diritto o aspettativa?

Subito dopo l’introduzione della norma che ha previsto l’assegnazione temporanea art 42bis, ci si è chiesti se si trattasse di un vero diritto soggettivo del lavoratore pubblico oppure una mera aspettativa.

Con il tempo, si è chiarito che l’assegnazione temporanea art 42bis non è un diritto incondizionato del dipendente in quanto il trasferimento può essere accolto dalle amministrazioni di provenienza e di destinazione solo se ricorrono una serie di presupposti.

In particolare, per potersi accogliere la richiesta deve esserci, presso l’amministrazione di destinazione, la sussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva. Inoltre, il trasferimento è possibile solo previo assenso delle amministrazioni di provenienza e destinazione. Ciò non significa, tuttavia, che l’assegnazione temporanea sia rimessa al mero arbitrio delle amministrazioni.

Infatti, la legge precisa che l’eventuale dissenso deve essere motivato e limitato a casi o esigenze eccezionali. Inoltre, proprio per consentire al lavoratore di conoscere le ragioni del provvedimento assunto dall’amministrazione, l’assenso o il dissenso devono essere comunicati all’interessato entro trenta giorni dalla domanda. Ne consegue che le due amministrazioni cui è stata presentata la domanda di assegnazione temporanea dovranno motivare in maniera specifica il motivo dell’eventuale dissenso.

Il provvedimento di diniego dell’assegnazione temporanea, dunque, deve essere:

  • inviato per iscritto entro 30 giorni dalla domanda;
  • congruamente motivato;
  • le ragioni del dissenso devono fare riferimento a casi o esigenze eccezionali.

Assegnazione temporanea art 42bis: quando il diniego è illegittimo?

In caso di dissenso rispetto alla richiesta di assegnazione temporanea, il lavoratore deve valutare se il provvedimento di diniego ha una sua razionalità e rispetta i requisiti di legge. Nel caso contrario, potrà agire in giudizio per far accertare al giudice l’illegittimità del diniego e il suo diritto ad ottenere l’assegnazione temporanea richiesta.

Spesso, i provvedimenti di diniego vengono giudicati illegittimi quando:

  • non sono adeguatamente motivati;
  • le ragioni del dissenso non fanno riferimento a casi o esigenze eccezionali ma a problematiche ordinarie.

La verifica della legittimità delle motivazioni addotte per motivare il diniego deve essere effettuata soprattutto attraverso il criterio della eccezionalità.

Non possono essere, quindi, considerate valide ragioni:

  • ordinarie scoperture di organico;
  • ordinarie problematiche organizzative conseguenti al trasferimento;
  • difficoltà nel reperimento di altro personale a sostituzione del dipendente trasferito.

La principale motivazione che può legittimare il dissenso dell’amministrazione di destinazione è l’insussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva. Infatti, è la stessa legge a prevedere che debba esserci un posto libero per potere accettare l’assegnazione temporanea.

Per quanto concerne l’amministrazione di provenienza, per potere motivare adeguatamente il diniego devono essere indicate esigenze eccezionali e non ordinarie.

Assegnazione temporanea art 42bis: il requisito anagrafico del figlio

Oltre a quanto già detto, per poter ottenere l’assegnazione temporanea art 42bis il lavoratore pubblico che ne fa richiesta deve avere un figlio che, al momento della proposizione dell’istanza, ha meno di tre anni.

Non c’è nessun legame tra l’età del figlio e la durata dell’assegnazione temporanea art 42bis che può durare, come detto, fino ad un massimo di tre anni. Ne consegue che il trasferimento può protrarsi anche quando il figlio ha superato i tre anni di vita. Il requisito anagrafico del bambino, infatti, deve essere verificato al momento della proposizione dell’istanza.

Se Tizia chiede l’assegnazione temporanea art 42bis quando suo figlio ha 2 anni, il trasferimento può durare fino ad un massimo di tre anni, e cioè quando il figlio avrà 5 anni.

Inoltre, l’assegnazione temporanea art 42bis può essere fruita continuativamente o in modo frazionato.

Assegnazione temporanea art 42bis: come fare la domanda?

L’assegnazione temporanea art 42bis viene disposta solo su istanza del lavoratore pubblico che vuole beneficiarne. Il lavoratore deve, quindi, presentare un’istanza di assegnazione temporanea art 42bis sia alla amministrazione presso cui lavora sia a quella presso la quale vorrebbe essere temporaneamente trasferito.

In questa istanza, il lavoratore deve dare atto e fornire documentazione che confermi che:

  • ha un figlio minore di anni tre;
  • l’altro genitore svolge la propria attività lavorativa in altra provincia o regione.

Come abbiamo detto, le amministrazioni avranno trenta giorni per rispondere all’istanza, autorizzando o negando il trasferimento temporaneo del lavoratore che ne ha fatto richiesta.

Cos’è il comando?

Un altro strumento che consente il trasferimento temporaneo del dipendente ad un’altra amministrazione pubblica è il comando.

Il comando [2] si ha quando il pubblico impiegato, titolare di ruolo presso una pubblica amministrazione, viene temporaneamente assegnato a prestare servizio presso altra amministrazione o altro ente pubblico, nell’interesse dell’amministrazione di destinazione.

L’assegnazione è temporanea e viene disposta quando sussistono due distinte condizioni non cumulabili:

  • per esigenze di servizio;
  • quando sia richiesta una speciale competenza.

In questo caso, tuttavia, non è il dipendente a fare la richiesta in quanto l’accordo avviene tra due amministrazioni pubbliche, senza che il dipendente esprima la propria volontà.


Modello domanda di trasferimento temporaneo

Spettabile amministrazione di provenienza _______

Spettabile amministrazione di destinazione _______

Istanza di assegnazione temporanea ex art. 42bis D.lgs. n. 151/2001

La sottoscritta ______ (Cod.Fis. ____) nata il ____ a ____ e ivi residente in via __________ n. ___, reperibile al numero telefonico ______ ed all’indirizzo mail _____, dipendente a far data dal _____ dell’amministrazione di provenienza ____, via ________ città ______ con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e qualifica di _______

CHIEDE

di essere assegnata temporaneamente, ai sensi dell’art. 42bis del D.lgs. 151/2001, presso l’amministrazione di destinazione _______, ossia, presso una sede di servizio ubicata nella stessa provincia o regione nella quale il sig. _____ (marito della sottoscritta e padre del comune figlio con meno di tre anni ____) esercita la propria attività lavorativa.

A tal fine, sotto la propria responsabilità

D I C H I A R A

1) di essere in servizio presso _____;

2) di essere contrattualmente inquadrato ________;

3) di essere genitore di ____ nato il ______;

4) di avere il proprio coniuge _______ (Cod. Fis. ________), nato il _________ a ___ che presta la propria attività lavorativa a ___ e, dunque, nella sede sopra richiesta;

5) di indicare il seguente ed esatto recapito al quale dovranno essere fatte pervenire le eventuali comunicazioni inerenti la presente domanda: – all’indirizzo mail ______; all’indirizzo di residenza in via _____ n. ___ città _____.

Al riguardo si allega:

· autocertificazione attestante il proprio stato di famiglia, ai sensi della normativa vigente, in cui si evince la presenza di un figlio di età inferiore ai tre anni;

· attestazione del datore di lavoro del coniuge ove viene indicata la sede dove esercita la propria attività lavorativa e la costanza del rapporto di lavoro.

La sottoscritta autorizza il trattamento dei propri dati personali ai sensi del Regolamento (UE) n. 679/2016 ed ai sensi del D.Lgs. 196/2003.

Luogo ______, data _____

Firma _____________________

note

[1] Art. 42 bis D. Lgs. 151/2001.

[2] Art.56 DPR n.3/1957.


2 Commenti

    1. Leggi i nostri articoli:
      -Permessi legge 104 figlio disabile https://www.laleggepertutti.it/177287_permessi-legge-104-figlio-disabile
      -Congedo biennale retribuito: quando si può chiedere? https://www.laleggepertutti.it/418510_congedo-biennale-retribuito-quando-si-puo-chiedere
      -Congedo straordinario per assistenza familiare https://www.laleggepertutti.it/294439_congedo-straordinario-per-assistenza-familiare
      -Congedo biennale figlio con 104, spettano 2 anni a ciascun genitore? https://www.laleggepertutti.it/172923_congedo-biennale-figlio-con-104-spettano-2-anni-a-ciascun-genitore

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube