Nuovi limiti alla cassa integrazione

24 Giugno 2020 | Autore:
Nuovi limiti alla cassa integrazione

Il Governo pensa ad una proroga fino alla fine dell’anno, ma solo per i settori più colpiti dall’emergenza coronavirus.

Più cassa integrazione ma non per tutti. Questo è il concetto che esprime la nuova impostazione dell’ammortizzatore sociale, secondo le intenzioni del Governo. In pratica, nel Dl Luglio a cui si sta lavorando si vorrebbe inserire una proroga fino alla fine dell’anno della cassa integrazione legata all’emergenza coronavirus, ma soltanto per i settori maggiormente in difficoltà, a cominciare da quello del turismo.

«Bisogna assicurare la cassa fino a fine anno ai settori più colpiti – afferma la sottosegretaria al Lavoro, Francesca Puglisi-. Penso all’indotto e all’intera filiera del turismo, al settore fieristico congressuale, all’organizzazione di eventi, che vive ancora nell’incertezza sulla data di riapertura con effetti negativi sull’alberghiero e la ristorazione. Senza dimenticare il settore educativo e della formazione, delle mense e delle pulizie, fermo fino alla riapertura delle scuole».

Probabile anche l’estensione fino alla fine dell’anno delle proroghe e dei rinnovi dei contratti a termine senza le causali, di cui, però, non è convinto il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, che preme anche per la proroga del blocco dei licenziamenti.

Infine, il Governo continua a valutare la possibilità di introdurre gli sgravi contributivi per sei mesi per le aziende che assumono a tempo indeterminato, con l’obbligo di non licenziare per 9-12 mesi. Intanto, l’Inps ha avviato i pagamenti delle prime 100mila domande di bonus da complessivi mille euro per aprile e maggio, per i lavoratori domestici.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube