La fattura elettronica funziona contro l’evasione fiscale?

24 Giugno 2020
La fattura elettronica funziona contro l’evasione fiscale?

I benefici ammontano a 3 miliardi e mezzo: 2 miliardi di Iva più le imposte dirette e il contrasto alle frodi fiscali. Così l’evasione può dimezzarsi in 5 anni.

In un anno dall’attivazione, sono più di 2 miliardi le fatture elettroniche emesse in Italia da quasi 4 milioni di operatori: i dati emergono dal Sistema di interscambio telematico dell’Agenzia delle Entrate che veicola tutti i documenti e sono stati illustrati dal direttore Ernesto Maria Ruffini, durante l’audizione in Commissione Finanze alla Camera; il suo intervento di oggi è stato seguito dall’agenzia stampa Adnkronos.

«Il trend positivo del processo di fatturazione elettronica si conferma anche quest’anno», osserva Ruffini. Infatti, nei primi 5 mesi del 2020 (fino al 31 maggio scorso), «sono state inviate circa 772 milioni di fatture elettroniche da circa 3,3 milioni di operatori, con una percentuale di scarto sempre più bassa (1,6%)» mentre nel complesso, considerando anche i dati del 2019, la percentuale di scarto si attesta al 2,6%. Un dato interessante emerso dall’audizione è che hanno emesso fattura elettronica anche 100mila operatori in regime forfettario, che sarebbero esonerati dall’obbligo e dunque hanno aderito in via facoltativa.

Il direttore dell’Agenzia delle Entrate stima che «dall’esito di una prima analisi diretto alla verifica dell’efficacia della fatturazione elettronica, sono ascrivibili effetti positivi che si attestano nell’ordine di circa 3 miliardi e mezzo di euro» in favore dell’Erario. «In particolare, il gettito relativo all’Iva riconducibile a versamenti spontanei dei contribuenti è stato stimato in circa 2 miliardi. Tale emersione – spiega il direttore – si ripercuote sulle imposte dirette il cui incremento si stima prudenzialmente in poco più di mezzo miliardo».

Per quanto riguarda le frodi fiscali, Ruffini spiega che «nel 2019 è stato individuato un numero di soggetti che seppur limitato, sono poco più di 200 società ed enti, è stato oggetto di blocco di compensazioni di falsi crediti Iva per un miliardo di euro». L’utilizzo dei dati della fattura elettronica «è stato anche essenziale per la recente individuazione di soggetti ad alto rischio frode, privi dei requisiti di esportatore abituale, per un importo di falso plafond dichiarato di oltre 1,3 miliardi di euro». In questo modo, grazie all’azione di contrasto svolta dall’Agenzia «si è evitato l’utilizzo di crediti per compensare crediti erariali e contributivi, che avrebbero portato a perdite di gettito ai fini dell’imposizione diretta».

Forte di questi dati, Ruffini ha lanciato un’affermazione: «Credo che il parlamento e il governo possono accettare la sfida di dimezzare l’evasione fiscale nel giro di una legislatura, 5 anni». Per raggiungere un risultato così ambizioso, però, sarà necessario «chiudere il perimetro dell’innovazione tecnologica, della trasmissione dei dati, della valorizzazione dei dati» e in particolare tutte le informazioni «devono essere inviate e controllate da parte della Guardia di Finanza e dell’Agenzia delle Entrate».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube