Diritto e Fisco | Articoli

Come segnalare blackout

25 Giugno 2020 | Autore:
Come segnalare blackout

Chiamata per guasto elettrico: che cosa devi fare se manca la corrente, verifiche, contatore, chi devi chiamare, quali dati riferire.

Manca la corrente: che cosa faccio? A chi devo telefonare per segnalare il guasto? Di fronte a un’interruzione di corrente è facile farsi prendere dal panico: normalmente capita all’improvviso e non ci si ricorda quali verifiche si devono fare per accertarsi che si tratti veramente di un guasto e che il guasto non riguardi solo il proprio impianto, quale numero si deve chiamare, quali dati è necessario avere a portata di mano.

È importante segnalare tempestivamente l’assenza di corrente: un blackout prolungato può comportare numerosi disagi, tra i quali l’isolamento del telefono e del modem, l’impossibilità di ricaricare i cellulari, il blocco della caldaia e del riscaldamento, il blocco delle pompe di calore e delle pompe idriche che mettono in pressione l’acqua o dell’autoclave, l’impossibilità di illuminare la casa, di cucinare, di lavorare al pc…

Non devi pensare che i vicini segnaleranno il blackout al posto tuo: il guasto potrebbe riguardare, difatti, soltanto il tuo impianto e potresti restare senza corrente a tempo indefinito se non informi la società del guasto.

Già, ma a chi devo segnalare che manca la corrente? Come segnalare blackout? Che cosa devo controllare se manca la corrente?

Chiariamo innanzitutto che, se manca la corrente, non devi chiamare il tuo fornitore, ma il distributore: spesso questi termini si confondono tra di loro, ma in realtà identificano due società che svolgono funzioni diverse. La società fornitrice, o fornitore, infatti, vende l’energia al cliente finale, mentre il distributore, o società distributrice, gestisce le reti di distribuzione e i contatori.

Peraltro, il cliente finale non può contattare direttamente la società che si occupa della distribuzione direttamente, ma deve chiamare il numero di pronto intervento per i guasti, salvo alcuni casi come guasti al contatore, allaccio alla rete o sostituzione del contatore.

Devi poi considerare che il distributore non si può scegliere, ma è lo stesso per tutte le persone che risiedono in una stessa zona, mentre il gestore può essere scelto dal cliente, in base alle offerte proposte. In Italia in questo momento esistono 128 diverse società di distribuzione dell’energia elettrica: ogni società ha la concessione esclusiva di distribuzione dell’energia elettrica su uno o più comuni. Ma procediamo con ordine.

Che cosa fare per evitare il guasto elettrico

È meglio prevenire che curare, recita un noto proverbio. Quindi, anche se non puoi evitare che un guasto alla rete elettrica avvenga, perché non è un evento che dipende da te, puoi almeno fare in modo di ridurre il rischio che si verifichi un guasto nella tua abitazione:

  • fai controllare da un tecnico esperto e certificato che l’impianto elettrico sia a norma e perfettamente funzionante, che non ci sia dispersione di corrente, che le prese ed i collegamenti siano integri, che il salvavita e il contatore funzionino correttamente;
  • evita di sovraccaricare le prese di corrente;
  • evita di collegare apparecchiature malfunzionanti o che richiedono una potenza eccessiva e che rischiano di causare danni all’impianto.

Che cosa fare prima del guasto alla rete elettrica

E per il guasto alla rete elettrica si può far qualcosa? Per evitarlo, no, ma puoi farti “trovare pronto” nel caso in cui si verifichi. Come? Prima del guasto scrivi in luogo accessibile il codice pod ed il numero di telefono della segnalazione guasti. Al buio è difficile riuscirci.

Che cos’è il codice pod? È l’identificativo del punto di prelievo “pod” presente in ogni bolletta: questo codice va comunicato al distributore per segnalare il punto disalimentato.

Puoi vedere il codice pod segnalato nell’immagine seguente dalla freccia.

Che cosa controllare prima di segnalare il guasto

In caso di blackout, prima di telefonare per segnalare il guasto, devi accertarti che il guasto non sia in casa.

Verifica:

  • se per caso il salvavita del contatore è scattato;
  • se il contatore, riarmato, scatta di nuovo; in questo caso, prova a staccare le apparecchiature che assorbono molta potenza; se non riesci a risolvere il problema, potresti dover telefonare a un elettricista private, qualora risulti che il guasto non sia di competenza del distributore.

Se superi il valore di potenza permesso dal contatore, questo scatta e interrompe la corrente, finché non spegni qualche elettrodomestico. Se ciò accade molto spesso, significa che la potenza del contatore non è sufficiente per far fronte ai tuoi consumi: non dovrai quindi segnalare un guasto, ma richiedere un aumento di potenza.

Prima di segnalare il guasto controlla anche, se ti è possibile, se oltre al tuo impianto sono disalimentati anche gli impianti dei vicini di casa, almeno in parte.

Come segnalare il guasto

Hai verificato che il tuo impianto funziona correttamente, che la potenza è adeguata, che la corrente manca anche dai vicini di casa? Puoi segnalare il blackout.

Ecco tutto quello che devi fare in caso di guasto o di pericolo elettrico:

  • tieni sottomano il codice pod presente in ogni bolletta, che ti verrà richiesto dall’operatore a cui segnalerai il guasto;
  • chiama il numero telefonico di pronto intervento guasti; alcuni distributori prevedono anche un numero fax o un altro canale ufficiale di segnalazione guasti; i numeri di segnalazione guasto, oltre che nei siti dei distributori, sono tutti presenti nel sito Arera, dell’autorità per il servizio elettrico, gas, acqua e rifiuti seguendo il percorso “/modulidinamiciportale/reportistica/searchoperatori”; bisogna scegliere “elettricità/distributori” ed individuare il distributore locale relativo al comune dove è situato il contatore.
  • registra, a tua tutela, l’ora della chiamata, l’interlocutore, la risposta e, finita l’interruzione, l’ora di rialimentazione definitiva.

Come segnalare il guasto all’Enel

Osserviamo ora come procedere nel caso in cui il distributore sia la società più diffusa territorialmente oggi in Italia, ossia E_Distribuzione (Enel Distribuzione).

In quanto distributore locale, puoi contattare E-Distribuzione per segnalare un guasto telefonicamente, al numero verde del pronto intervento guasti (attivo 24 ore su 24 sia da fisso che da cellulare): 803 500; in quanto distributore locale, E-Distribuzione è proprietaria dei contatori di energia elettrica nelle zone di competenza ed interviene in caso di guasti all’impianto domestico, oppure se ci sono problemi sulla rete energetica.

E-Distribuzione può essere contattata anche per segnalazioni di pericolo relativamente a colonnine stradali o cavi elettrici sempre al numero verde, ma anche per altre attività, come ricevere informazioni sull’ avanzamento di pratiche in corso, come il piano di sostituzione del contatore Open Meter.

Come inviare altre comunicazioni all’Enel

Per le altre tipologie di comunicazione, o per i reclami, puoi contattare E-distribuzione:

  • inviando un testo scritto al numero di fax 800 046 674, per informazioni o reclami; puoi inviare il fax se sei un cliente privato ordinario, oppure se sei un produttore o un prosumer (cliente produttore);
  • inviando un testo scritto alla casella postale 5555 – 85100, Potenza”, per qualsiasi tipo di comunicazione scritta; puoi inviare la comunicazione se sei un cliente privato ordinario, oppure se sei un produttore o un prosumer (cliente produttore).

Il numero per ricevere altre informazioni di competenza E-distribuzione (avanzamento pratiche in corso, sostituzione contatore, supporto compilazione moduli, etc.) è sempre il numero gratuito 803 500, con l’unica eccezione che, relativamente alle esigenze non legate ai guasti, resta attivo solo dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 18 e il sabato dalle 9 alle 13.

Per chi chiama dall’estero il numero è 02 911 55 155;

Esiste anche un supporto online, ossia una Piattaforma online per assistenza tecnica al sito E-distribuzione. Per i prosumer o i produttori E-Distribuzione mette a disposizione il numero verde per informazioni: 800 085 577 (attivo da lunedì a venerdì dalle 9 alle 18 e il sabato dalle 9 alle 13) e, per assistenza tecnica al sito E-distribuzione, il Portale produttori Enel.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube