Dl Semplificazioni in arrivo: ecco la bozza

29 Giugno 2020 | Autore:
Dl Semplificazioni in arrivo: ecco la bozza

Le prime indiscrezioni su: contratti pubblici; edilizia; green economy; cittadinanza digitale e accesso ai servizi digitali della Pubblica Amministrazione; sviluppo dei sistemi informatici e dei servizi digitali della PA; misure per l’innovazione; attività di impresa e investimenti pubblici.

Prende corpo il Dl semplificazione. Dalla bozza che abbiamo visionato, il nuovo Dl si compone di quattro titoli e 48 articoli. Ecco i titoli del nuovo Dl: semplificazioni in materia di contratti pubblici ed edilizia; semplificazioni procedimentali e responsabilità; misure di semplificazione per il sostegno e la diffusione dell’amministrazione digitale; semplificazioni in materia di attività di impresa, ambiente e green economy.

Dalla bozza, emerge l’obbligo per le PA di sviluppare i propri sistemi con modalità idonee a consentire l’accesso da remoto ai propri dipendenti e favorire così il lavoro agile (smartworking).

Sarà istituito un codice di condotta tecnologica, emanato dal capo del dipartimento della trasformazione digitale della presidenza del Consiglio dei ministri, che detterà ”regole omogenee per tutte le pa, per gli acquisti ict, per lo sviluppo dei sistemi e per la progettazione e realizzazione dei servizi digitali ai cittadini, con regole per la formazione tecnologica dei pubblici dipendenti ed esperti che affianchino i progetti di trasformazione digitale delle amministrazioni (obblighi diprogettare i sistemi e i servizi per renderli fruibili in digitale tramite spid e cie e su mobile tramite appIO, oltre che per consentire diffusamente il lavoro agile)”.

Ma analizziamo nel dettaglio i contenuti della nuova bozza del Dl semplificazioni.

Semplificazioni in materia di contratti pubblici ed edilizia

Nel primo titolo, troviamo:

  • le procedure per l’incentivazione degli investimenti pubblici durante il periodo emergenziale in relazione all’aggiudicazione dei contratti pubblici sotto soglia;
  • le procedure per l’incentivazione degli investimenti pubblici in relazione all’aggiudicazione dei contratti pubblici sopra soglia e di rilevanza nazionale;
  • i protocolli di legalità;
  • la conclusione dei contratti pubblici e ricorsi giurisdizionali;
  • la sospensione dell’esecuzione dell’opera pubblica;
  • il collegio consultivo tecnico;
  • il fondo per la prosecuzione delle opere pubbliche;
  • le altre disposizioni urgenti in materia di contratti pubblici;
  • i commissari straordinari per interventi infrastrutturali;
  • le semplificazioni in materia edilizia;
  • le semplificazioni ed altre misure in materia edilizia.

Semplificazioni procedimentali e responsabilità

Nel secondo titolo sono racchiuse le semplificazioni procedimentali, vale a dire:

  • le modifiche alla legge 7 agosto 1990, n. 241;
  • l’accelerazione del procedimento in Conferenza di servizi per un tempo determinato;
  • la disposizione in materia di oneri regolatori;
  • l’agenda per la semplificazione e Modulistica standardizzata;
  • la responsabilità erariale;
  • il controllo concomitante della Corte dei conti per accelerare la realizzazione delle spese di investimento;
  • le modifiche alla disciplina dell’abuso d’ufficio.

Misure di semplificazione per il sostegno e la diffusione dell’amministrazione digitale

Il terzo titolo è focalizzato sulla cittadinanza digitale e sull’accesso ai servizi digitali della pubblica amministrazione, in particolare si parla di:

  • identità digitale, domicilio digitale e accesso ai servizi digitali;
  • semplificazione per la conservazione dei documenti informatici e gestione dell’identità digitale;
  • piattaforma per la notificazione digitale degli atti della pubblica amministrazione;
  • misure per la semplificazione e la diffusione della firma elettronica avanzata;
  • semplificazione della notificazione e comunicazione telematica degli atti in materia civile, penale, amministrativa, contabile e stragiudiziale;
  • disposizioni per favorire l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici. Modifiche alla legge 9 gennaio 2004, n. 4;
  • sviluppo dei sistemi informatici e dei servizi digitali della PA;
  • semplificazione dei sistemi informativi delle pubbliche amministrazioni;
  • codice di condotta tecnologica;
  • strategia di gestione del patrimonio informativo pubblico per fini istituzionali;
  • disponibilità e interoperabilità dei dati delle pubbliche amministrazioni e dei concessionari di pubblici servizi;
  • semplificazione per la Piattaforma Digitale Nazionale Dati;
  • misure di semplificazione amministrativa per l’innovazione;
  • disposizioni per favorire l’utilizzo della posta elettronica certificata nei rapporti tra Amministrazione, imprese e professionisti.

Semplificazioni in materia di attività di impresa, ambiente e green economy

Nel titolo quarto, troviamo le semplificazioni in materia di attività di impresa e investimenti pubblici, ovvero:

  • misure di semplificazione per reti e servizi di comunicazioni elettroniche e banda larga;
  • semplificazioni della misura Nuova Sabatini;
  • semplificazione delle procedure di cancellazione dal registro delle imprese e per lo scioglimento degli enti cooperativi nonché in materia di recesso dalle società di persone;
  • semplificazione del sistema di monitoraggio degli investimenti pubblici e riduzione degli oneri informativi a carico delle amministrazioni pubbliche;
  • semplificazioni dell’attività del Comitato interministeriale per la programmazione economica;
  • semplificazione per l’erogazione delle risorse pubbliche in agricoltura, in materia di controlli nonché di comunicazioni individuali dei provvedimenti adottati ai sensi dell’articolo 38, comma 7, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, con modificazione, della legge 15 luglio 2011, n. 111;
  • aumenti di capitale;
  • semplificazione e accelerazione della procedura di VIA;
  • semplificazioni in materia di VIA per interventi di incremento della sicurezza di dighe esistenti;
  • semplificazione delle procedure per interventi e opere nei siti oggetto di bonifica;
  • semplificazione delle procedure nei siti di interesse nazionale;
  • misure di semplificazione in materia di interventi contro il dissesto idrogeologico;
  • semplificazione in materia di zone economiche ambientali;
  • disposizioni di semplificazione in materia di interventi su progetti o impianti alimentati da fonti di energia rinnovabile e di taluni nuovi impianti, nonché di spalma incentivi;
  • misure di semplificazione per la realizzazione di punti e stazioni di ricarica di veicoli elettrici;
  • trasferimenti statistici di energia rinnovabile dall’Italia ad altri paesi;
  • meccanismo dello scambio sul posto altrove per piccoli Comuni;
  • piano straordinario di manutenzione del territorio forestale e montano;
  • semplificazioni per il rilascio delle garanzie a favore di progetti del green new deal.

Per leggere gli articoli della bozza del Dl semplificazioni clicca qui.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube