Cronaca | News

Ecco di quanto sono calati i reati durante il lockdown

29 Giugno 2020
Ecco di quanto sono calati i reati durante il lockdown

Si è blindata perfino la delinquenza. Parallelamente all’aumento dei raggiri informatici, c’è stato un crollo di numerose tipologie di illeciti.

Criminalità in ribasso, almeno quella a lieve e media pericolosità. Tra le innumerevoli conseguenze del lockdown, una positiva c’è stata: il ministero dell’Interno registra una complessiva diminuzione dei reati del 61% tra il primo marzo e il 10 maggio 2020, il periodo in cui l’Italia era costretta a casa dalla pandemia di Coronavirus.

Nello specifico, la relazione dell’Organismo permanente di monitoraggio e analisi, istituito presso la direzione centrale della Criminalpol, certifica il crollo verticale dei reati predatori, ovvero furti e rapine. Che poi sono gli stessi che impattano maggiormente e in modo più immediato sulla percezione di sicurezza dei cittadini. In particolare, si è assistito a una flessione dei reati contro il patrimonio (-44,89%), nell’ambito dei quali rientrano la contraffazione (-83%), i furti (-74%) e le rapine (-63%). Diminuiscono anche i furti in abitazione (-76%) e in esercizi commerciali (-68%). Furti e rapine, come ci spiega una nota dell’agenzia di stampa Adnkronos, si sono concentrati sulle attività rimaste aperte, come piccola e grande distribuzione alimentare, farmacie, edicole e tabacchi.

Anche i geni della truffa hanno messo a segno molti colpi in meno (-48%). Abbiamo visto, però, come soprattutto nelle prime fasi dell’epidemia, quando si poneva più urgentemente il problema dell’approvvigionamento dei dispositivi di protezione, siano stati numerosi i raggiri su mascherine, guanti e disinfettanti venduti a prezzi proibitivi specialmente online. Molti, tra l’altro, non erano conformi alle normative. Abbiamo poi assistito a un massiccio ricorso al fenomeno dello «smishing», l’invio di sms sullo smartphone con richiesta di aiuti o promesse di utilità economiche – facendo leva sulla crisi – in cambio di dati personali e della carta di credito, segnalate più volte dalla polizia postale e delle comunicazioni.

Il lockdown ha fatto anche registrare una consistente diminuzione dei reati contro la persona, cioè violenze sessuali (-66%), pornografia minorile (-58%), omicidi volontari (-56%). Spaccio in calo, almeno per quanto concerne i canali tradizionali di vendita, ma in questo caso, la criminalità, come per le truffe, ha cercato nuove modalità: i corrieri della droga si sono «mascherati» da driver intenti nelle consegne di cibo; in realtà, recapitavano a casa lo stupefacente alla clientela abituale.

L’altra buona notizia è che sono drasticamente diminuiti anche i reati ambientali, che registrano una delle più forti riduzioni: parliamo di un -82,4%, oltre a un guadagno per l’ambiente, in generale, in termini di salubrità.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube