Carte di credito rubate alle Poste all’insaputa dei proprietari

1 Luglio 2020
Carte di credito rubate alle Poste all’insaputa dei proprietari

Le attivazioni abusive avvenivano con una tecnica che otteneva la cooperazione involontaria delle banche e dei clienti ignari. Spese anche nei casinò.

Rubavano carte di credito spedite tramite Poste italiane prima che arrivassero ai proprietari e le utilizzavano a loro insaputa: oggi, i Carabinieri hanno sgominato un’organizzazione criminale che aveva truffato migliaia di clienti ai quali le carte erano state spedite, intercettandole prima che giungessero a destinazione.

I membri della banda riuscivano anche ad attivare abusivamente le carte utilizzando una sofisticata tecnica attraverso cui riuscivano ad ottenere, con la cooperazione degli istituti di credito emittenti e dei destinatari stessi delle carte, i codici necessari.

L’agenzia stampa Adnkronos ci riporta che dalle prime ore di stamattina i Carabinieri del nucleo investigativo di Verbania, insieme ai colleghi dei Comandi provinciali di Napoli, Caserta e Bologna, stanno eseguendo 11 misure cautelari emesse dal Gip del tribunale di Napoli per i reati di associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione e all’indebito utilizzo di carte di credito di illecita provenienza attivate con metodi fraudolenti.

I profitti illeciti quantificati nell’operazione di polizia giudiziaria, che i Carabinieri hanno battezzato “Incognito”, sono quantificati in centinaia di migliaia di euro. Le indagini hanno accertato 133 episodi commessi da gennaio a maggio 2019, ai danni di 122 parti offese; sono state sequestrate 220 carte di credito.

I malcapitati titolari delle carte si accorgevano della truffa ai loro danni soltanto quando ricevevano l’estratto conto periodico, da cui risultavano gli indebiti utilizzi e i conseguenti addebiti e a quel punto denunciavano l’accaduto. È emerso che le carte venivano utilizzate sia a Napoli sia in altre zone d’Italia in modo massiccio, anche presso alcuni casinò in Slovenia oltre che per spese in negozi e prelievi presso sportelli bancomat italiani.

Il gruppo criminale era in grado di aggirare anche i sistemi di sicurezza attivati dalle banche e dagli istituti finanziari. Gli inquirenti spiegano che essi utilizzavano tecniche di ‘social engineering‘ e ‘spoofing‘ attraverso cui non solo riuscivano ad ottenere la disponibilità fisica delle carte – che venivano sottratte dai centri meccanizzati postali dislocati in tutta Italia – ma anche ad acquisire i dati sensibili sul conto dei clienti, come password e codici di accesso.

Avevano creato, infatti, «una vera e propria ‘struttura’ organizzata nella quale alcuni soggetti, che operavano dall’interno di un locale adibito ad ‘ufficio’ a Napoli, con metodi di ‘ingegneria sociale’ contattavano di volta in volta i destinatari delle carte, nonché uffici pubblici, banche ed istituti finanziari, cercando di ottenere i dati riservati necessari a poter attivare ed utilizzare le carte di credito che avevano a disposizione».

Lo spoofing è una nuova tecnica informatica che altera e maschera l’indirizzo di provenienza e in questo caso veniva utilizzata per camuffare i dati del chiamante, facendo credere al titolare della carta che la telefonata provenisse dalla banca. L’operazione dei Carabinieri è stata chiamata Incognito proprio per il nome di un software utilizzato dai truffatori per compiere questa attività.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube