Cronaca | News

Coronavirus: il Veneto a rischio isolamento

3 Luglio 2020 | Autore:
Coronavirus: il Veneto a rischio isolamento

Il governatore Luca Zaia annuncia: indice RT a 1,63%, rischio molto alto. «Colpa di persone irresponsabili, farò una nuova ordinanza».

Ci risiamo. In Veneto torna la paura dell’isolamento. Lo annuncia lo stesso governatore, Luca Zaia: «Purtroppo – lamenta il presidente della Regione – siamo passati dal rischio basso al rischio elevato con l’indice RT che dallo 0,43% è salito all’1,63%». Questo significa che, potenzialmente, il pericolo di contagio in quel territorio ha superato abbondantemente l’1%, cioè la soglia oltre la quale dovrebbero scattare nuovi provvedimenti restrittivi. O, almeno, così fu detto alla fine del lockdown.

Zaia è, a dir poco, furioso con chi finora non ha rispettato le regole di protezione e di prevenzione: «Se continuiamo a non usare la mascherina e a creare assembramenti – ammonisce – andrà sempre peggio. Abbiamo una categoria di irresponsabili, ne prendiamo atto. Il virus tornerà ad ottobre? È inevitabile, lo abbiamo già qui oggi. E per colpa di qualcuno – continua il governatore –, per i comportamenti irresponsabili, si aggiungono i tanti irresponsabili che abbiamo conosciuto nelle ultime ore. Abbiamo una sorta di sensazione di “liberazione” dal virus, ma chi pensa che sia tutto finito si sbaglia, e poi abbiamo chi è positivo e va in giro tranquillamente e peggio rifiuta il ricovero proposto dai sanitari».

Secondo lo stesso Zaia, l’RT così alto è dovuto ad un nuovo focolaio nel Vicentino, causato dal rientro a fine giugno dalla Serbia di un imprenditore, risultato poi positivo e ora è ricoverato in terapia intensiva. L’episodio avrebbe causato l’isolamento fiduciario di 52 persone a Vicenza e di 37 in provincia di Verona.

«Qui siamo davanti a una persona che dopo aver accusato i sintomi ed effettuato il tampone risultato positivo, ha rifiutato il ricovero proposto dai sanitari ed è andato a una festa. Poi c’è la signora reticente che non vuol dire quali contatti abbia avuto, se le motivazioni al richiamo dell’etica non servono. Allora – annuncia Zaia – lunedì presenterò una nuova ordinanza per inasprire le regole. Noi dobbiamo muoverci nei limiti di legge, la legge prevede una multa di mille euro, per me mettere a rischio la vita di molte persone vale più di mille euro, è ridicolo. Per me deve essere previsto, a livello nazionale, un ricovero coatto per i positivi, che non possono andarsene in giro tranquillamente».

Zaia ha dato anche mandato per verificare se ci siano gli estremi per una denuncia penale. Il mancato rispetto dell’isolamento fiduciario è stato depenalizzato. Ma il governatore insiste: «Ci deve essere tolleranza zero. Abbiamo buttato via 4 mesi? La morale è che grazie a questi signori siamo passati da rischio basso a rischio alto. Quello che è accaduto è gravissimo».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube