Diritto e Fisco | Articoli

Assegno sociale: chi può richiederlo?

18 Settembre 2020 | Autore:
Assegno sociale: chi può richiederlo?

Beneficiari dell’assegno sociale ordinario e sostitutivo: quali sono le condizioni da soddisfare, quali le soglie di reddito da rispettare.

L’assegno sociale è una prestazione riconosciuta dall’Inps ai cittadini più poveri ed anziani che non hanno diritto alla pensione, o ai quali viene liquidata una pensione d’importo molto basso, calcolata col sistema esclusivamente contributivo.

Questo trattamento economico, erogato direttamente al beneficiario e non tramite una carta acquisti come il reddito di cittadinanza, sostituisce la vecchia pensione sociale. L’assegno spetta sulla base del reddito del beneficiario e dell’eventuale coniuge e può arrivare sino a un massimo di 459,83 euro mensili, salvo il diritto alla maggiorazione sociale o all’incremento al milione. L’assegno sociale può comunque essere integrato dal reddito di cittadinanza o dalla pensione di cittadinanza: più precisamente, se nel nucleo familiare uno dei componenti percepisce l’assegno sociale, il diritto all’ulteriore sussidio non è precluso, ma tra i redditi rilevanti va considerato l’importo dell’assegno sociale.

Facciamo allora il punto sull’assegno sociale: chi può richiederlo, quali sono le condizioni da soddisfare, quali le soglie di reddito personale e del coniuge.

A proposito delle soglie di reddito, è bene sapere che, se l’assegno sociale è erogato in sostituzione della pensione di invalidità o inabilità civile, conta il reddito del solo beneficiario ed i limiti sono quelli più elevati previsti per le pensioni di invalidità. Fa eccezione l’ipotesi in cui l’assegno sociale sostitutivo sia stato maggiorato.

Ma procediamo con ordine e facciamo il punto sui requisiti per aver diritto a questo trattamento di assistenza, rinviando, per tutte le altre specifiche, alla nostra Guida all’assegno sociale.

A chi spetta l’assegno sociale?

L’assegno sociale può essere richiesto, per il 2020, da chi:

  • ha compiuto 67 anni di età: si tratta dell’età pensionabile, cioè del requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia che, in base a quanto annunciato, rimarrà tale sino al 31 dicembre 2022; successivamente, potrebbe essere incrementato in base all’aumento della speranza di vita media rilevato dall’Istat;
  • è cittadino italiano, comunitario o extra-comunitario in possesso della carta di soggiorno;
  • è residente in Italia in via continuativa per 10 anni, o ha soggiornato legalmente in Italia in via continuativa da almeno 10 anni; il requisito della residenza effettiva in Italia da almeno 10 anni è fondamentale: un eventuale trasferimento all’estero comporta la perdita dell’assegno;
  • ha un reddito annuo personale non superiore a 5.977,79 euro, cioè non superiore a 13 volte l’importo dell’assegno sociale;
  • ha un reddito personale annuo, sommato a quello del coniuge, non superiore a 11.955,58 euro, cioè non superiore al doppio dell’assegno sociale moltiplicato 13;
  • non percepisce trattamenti incompatibili con l’assegno sociale.

Se il beneficiario o il coniuge percepiscono dei redditi, chiaramente entro le soglie previste, l’importo dell’assegno sociale viene ridotto sulla base del reddito percepito.

Luca, single over 67, percepisce un reddito pari a 2mila euro annui. L’assegno sociale spettante annualmente sarà pari a 3.977,79 euro (5.977,79 – 2.000), l’assegno mensile pari a 305,98 euro (3.977,79/13 mensilità).

A chi spetta l’assegno sociale sostitutivo?

I titolari dell’assegno mensile di assistenza per invalidi civili parziali (pensione di invalidità civile) o della pensione di inabilità civile perdono queste prestazioni al compimento dell’età pensionabile (come abbiamo osservato, attualmente pari a 67 anni) e ricevono, in cambio, l’assegno sociale sostitutivo.

L’importo dell’assegno sociale sostitutivo è fisso e non viene diminuito sulla base dei redditi posseduti: in particolare, il trattamento spetta nella misura fissa di 374,48 euro al mese (valore 2020), a meno che non sia incrementato a 459,83 euro mensili, cioè sino all’importo dell’assegno sociale ordinario.

Nel primo caso, i limiti di reddito applicati riguardano il solo beneficiario e sono gli stessi vigenti per la pensione d’invalidità civile o per la pensione d’inabilità civile, se percepiva quest’ultimo trattamento in quanto inabile, cioè invalido al 100%.

Nel caso di assegno sociale sostitutivo maggiorato, valgono invece i limiti di reddito, personale e del coniuge, vigenti per l’assegno sociale ordinario.

L’assegno sociale sostitutivo può essere richiesto, per il 2020, da chi:

  • ha compiuto 67 anni di età;
  • è stato riconosciuto invalido civile prima del compimento di 67 anni di età;
  • prima del compimento del 67° anno di età percepiva la pensione d’invalidità civile, o assegno di assistenza per invalidi civili parziali, oppure la pensione d’inabilità civile, in quanto riconosciuto invalido civile nella misura del 100%;
  • se percepiva la pensione d’invalidità civile, deve possedere un reddito annuo personale pari a 4.926,35 per l’anno 2020;
  • se percepiva la pensione d’inabilità civile, deve possedere un reddito annuo personale pari a 16.982,49 euro per l’anno 2020;
  • se percepisce l’assegno sociale sostitutivo maggiorato, sino ad arrivare all’importo dell’assegno sociale ordinario, deve possedere un reddito annuo personale non superiore a 5.977,79 euro, cioè non superiore a 13 volte l’importo dell’assegno sociale; il reddito personale annuo, sommato a quello del coniuge, non deve essere superiore a 11.955,58 euro, cioè non superiore al doppio dell’assegno sociale moltiplicato 13;
  • non deve inoltre percepire trattamenti incompatibili.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube