Politica | News

Berlusconi: «Forza Italia voterà sì al Mes»

8 Luglio 2020 | Autore:
Berlusconi: «Forza Italia voterà sì al Mes»

Se dovesse arrivare in Parlamento il voto sull’utilizzo del Mes, FI voterebbe «certamente a favore, ma solo perché è per il bene dell’Italia».

Gli schieramenti, le tattiche politiche, le alleanze non c’entrano. Il voto sul Mes non ha alcun significato
di politica interna. Lo sottolinea Silvio Berlusconi al ‘Corsera’, tornando a smarcarsi dagli alleati Lega e Fdi sul Mes. «Certamente voteremo a favore del Mes», sottolinea il Cav, «ma solo perché è il bene dell’Italia, perché sarebbe assurdo privare proprio in questo momento, solo per fare due esempi, la sanità della Campania di 2.725 milioni e quella della Puglia di 2.450 milioni».

Nell’intervista al Corriere della Sera, il leader di Forza Italia si dice «convinto che le contraddizioni prima o poi si riveleranno insanabili e l’inadeguatezza di questo governo di fronte alla drammaticità dei problemi del Paese indurrà i parlamentari o le forze politiche più responsabili a staccare la spina“. Ma «non sono affatto convinto che un governo di unità nazionale sarebbe una scelta responsabile. Questa legislatura ha già conosciuto governi fra forze politiche incompatibili e il risultato è stato pessimo. La strada più responsabile sarebbe quella di lasciare agli italiani la possibilità di indicare da chi vogliono essere governati».

Matteo Salvini, ospite di Rtl102.05, ha replicato così alle parole di Berlusconi sul Mes: «Se Berlusconi aspetta l’intervento dell’Europa l’anno prossimo, secondo me pecca di fiducia perché i problemi in Italia ci sono adesso. Dall’Europa sono arrivati solo impegni per i prossimi anni. Chi si fida non conosce il tessuto sociale e imprenditoriale italiano che chiede un impegno adesso. Non serve l’anno prossimo e non lo dico perché sono euroscettico».

«Mi interessano poco gli equilibri politici, mi interessa tanto l’equilibrio del Paese», sottolinea a Rtl.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube