Diritto e Fisco | Articoli

Contratto affitto: è obbligatorio cambiare residenza?

8 Luglio 2020
Contratto affitto: è obbligatorio cambiare residenza?

Cosa succede se si cambia casa e non lo si comunica all’Anagrafe?

Un nostro lettore ci dice di aver da poco sottoscritto una locazione a uso abitativo. Poiché dovrà soggiornare nel nuovo immobile per poco tempo, ci chiede se sia tenuto a comunicarlo all’Anagrafe del proprio Comune. In buona sostanza, il dubbio è se, in caso di contratto d’affitto, è obbligatorio cambiare residenza.

La questione può essere affrontata nei seguenti termini.

Obbligo di reperibilità e di residenza

Ogni cittadino ha l’obbligo di essere reperibile: deve cioè fornire, agli uffici dell’Anagrafe, un luogo di residenza ove possa essere raggiungibile. 

Proprio perciò sussiste il divieto di fornire, come luogo di residenza, un indirizzo ove non si vive materialmente.

Questo non significa però che, per ogni spostamento, si debba cambiare residenza. La residenza deve infatti coincidere con il luogo di dimora abituale ossia con l’abitazione ove si sta per gran parte dell’anno. Pertanto, non è necessario mutare residenza se ci si sposta nella dimora estiva o se, per lavoro, si sta lontani da casa per qualche mese. 

Falsa residenza: cosa si rischia?

Fornire una residenza diversa da quella effettiva integra il reato di falso in atto pubblico. L’addetto all’Anagrafe è, infatti, un pubblico ufficiale e, quindi, non gli si può mentire. 

Il reato in commento però scatta solo quando si dà all’Anagrafe un indirizzo ove non si vive realmente, come spesso succede per questioni fiscali (si pensi alla possibilità di non pagare l’Imu sull’abitazione principale). Un’interpretazione corretta esclude quindi il reato tutte le volte in cui si cambia la residenza e non si comunica all’Anagrafe il nuovo indirizzo, sicché la residenza resta presso la vecchia abitazione. Insomma, mentire all’Anagrafe è reato mentre non aggiornarla non lo è.

Oltre a ciò, il Comune che riesce a scoprire la falsa residenza di un contribuente potrebbe pretendere gli arretrati dell’Imu non versati proprio per l’assenza del requisito dell’abitazione principale. Quest’ultima è, infatti, non solo il luogo ove il proprietario risiede formalmente ma anche ove dimora abitualmente.

Se si cambia casa bisogna cambiare residenza?

Chi cambia casa in affitto è tenuto a fornire all’Anagrafe anche il nuovo indirizzo e, quindi, a cambiare residenza. Il mancato aggiornamento dell’Anagrafe, seppur – come visto sopra – non costituisce reato, implica una serie di problemi per quanto attiene alla consegna di eventuali raccomandate e notifiche di atti giudiziari, multe, accertamenti fiscali, ecc.. Tutti gli atti, infatti, nonostante l’irreperibilità del destinatario, si riterranno ugualmente consegnati a questi e produrranno i loro tipici effetti a seguito del loro deposito presso la Casa Comunale o con la giacenza all’ufficio postale. Del resto, se così non fosse, sarebbe fin troppo facile sfuggire ai propri doveri non comunicando all’Anagrafe il luogo ove si va a vivere.

Vero è che chi sottoscrive un contratto di affitto per uso transitorio – della durata di pochi mesi (non più di 18) – non ha l’obbligo di aggiornare l’Anagrafe, ben potendo restare residente in un altro luogo, nonostante il mutamento di dimora.

Insomma, nell’ipotesi di un nuovo contratto di affitto è obbligatorio cambiare residenza solo se il nuovo immobile diventa una effettiva dimora abituale dell’inquilino e non invece un luogo ove stabilirsi per poco tempo o in via occasionale (come potrebbe succedere per esigenze lavorative o di vacanza).

Dall’altro lato, invece, il proprietario che dà in affitto la casa non può lasciare la propria residenza nell’immobile in questione proprio perché lì non vi dimora più e quindi risulterebbe irreperibile, contravvenendo all’obbligo di cui abbiamo parlato in apertura di questo articolo.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube