Business | News

Mutui e prestiti: i nuovi dati sui tassi di interesse

9 Luglio 2020
Mutui e prestiti: i nuovi dati sui tassi di interesse

La rilevazione Bankitalia sull’andamento delle erogazioni a famiglie e imprese per acquisto di abitazioni o altre esigenze: sale il costo del credito al consumo.

Proprio mentre molte famiglie italiane sono in difficoltà a sostenere le rate di mutui e prestiti, nonostante la moratoria stabilita fino al 30 settembre 2020 salvo ulteriori proroghe (qui trovi il modello per richiedere la sospensione), la Banca d’Italia comunica i nuovi dati sui tassi di interesse.

Nel bollettino statistico ‘Banche e monete: serie nazionali’ diffuso dall’agenzia stampa Adnkronos, si rileva che a maggio 2020 i tassi di interesse sui mutui erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie, si sono collocati all’1,67%, con una leggera diminuzione rispetto all’1,74% di aprile.

Per quanto riguarda i prestiti, a maggio i tassi di interesse sulle nuove erogazioni di credito al consumo si sono attestati al 7,32%, in crescita rispetto al 6,61% di aprile. I tassi di interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie sono stati pari all’1,21%, dato anche questo in aumento rispetto all’1,06% di aprile. Quelli per importi fino a 1 milione di euro sono stati pari all’1,60%, mentre i tassi sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia si sono collocati allo 0,93%.

Il ricorso al credito è sempre ampio, come dimostra il fatto che a maggio i prestiti al settore privato («corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari», specifica Bankitalia), sono cresciuti dell’1,5% sui dodici mesi, in lieve aumento dall’1,4% registrato ad aprile. Nel dettaglio, i prestiti alle famiglie sono aumentati dell’1,3% sui dodici mesi (1,1% ad aprile) mentre quelli alle società non finanziarie sono aumentati dell’1,9% (1,7% nel mese precedente).

Quanto ai depositi, quelli del settore privato sono cresciuti del 7,5% sui dodici mesi (contro il 6,8% di aprile). I tassi passivi, quelli riconosciuti dalle banche e dagli altri istituti sul complesso dei depositi in essere, sono stati pari mediamente allo 0,35% (era lo 0,36% ad aprile). La raccolta obbligazionaria è diminuita del 5,0% sullo stesso periodo dell’anno precedente, come ad aprile.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube