Tumore al fegato: nuovo studio rivela la migliore cura

9 Luglio 2020
Tumore al fegato: nuovo studio rivela la migliore cura

Per la prima volta viene ufficialmente sottolineata la validità del trapianto.

Tumori: un nuovo studio eleva la credibilità della chirurgia oncologica in generale e porta l’evidenza del trapianto come cura del cancro al livello scientifico più alto in assoluto.

La ricerca ha coinvolto 74 pazienti tra i 18 e i 65 anni di età, con carcinoma epatocellulare, senza metastasi, sottoposti a varie terapie per ridurre le dimensioni del tumore. I pazienti sono stati quindi assegnati a due gruppi: il primo è stato sottoposto al trapianto di fegato e il secondo ha continuato ad essere seguito con le altre terapie non chirurgiche disponibili.

I centri che hanno contribuito allo studio sono: l’Istituto nazionale dei tumori Irccs di Milano con il dipartimento di Oncologia dell’Università di Milano, l’ospedale Cà Granda di Niguarda con l’Università Bicocca, l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, la Città della Salute e della Scienza e l’Università di Torino, l’ospedale Maggiore Policlinico Irccs di Milano, l’ospedale e l’Università Politecnica di Ancona, l’Università Tor Vergata e l’università Sapienza di Roma, l’Ismett di Palermo.

Lo studio dimostra che se le forme più avanzate di tumore vengono «contenute nella loro estensione per sufficiente tempo e con sufficiente efficacia, il trapianto ottiene risultati analoghi a quelli osservati per le forme più iniziali di tumore», evidenzia il lavoro dei ricercatori.

Vincenzo Mazzaferro, direttore della Struttura complessa di Chirurgia generale a indirizzo oncologico 1 (Epato-gastro-pancreatico e trapianto di fegato) e ideatore e coordinatore dello studio, precisa che: «Sino ad oggi una tale dimostrazione di qualità ed efficacia non era mai stata ottenuta a livello internazionale. I risultati emersi infatti per la prima volta suggeriscono che, sulla base della risposta alle terapie loco-regionali contro i tumori epatici, oggi possono essere candidati al trapianto anche pazienti con forme intermedie o avanzate che fino ad ora venivano escluse da questa opzione».

«Lo studio rappresenta una pietramiliare nella storia delle terapie per il carcinoma epatocellulare e cambia l’attuale paradigma nel trattamento di questa importante forma tumorale. I risultati confermano che il trapianto di fegato può essere parte della cura di questo tumore in qualsiasi momento della sua storia, ovvero in qualsiasi momento si osservi una sufficiente ‘risposta’ alle cure per un sufficiente periodo di tempo», rimarca Mazzaferro.

«Molte cose grazie a questo studio collaborativo sono destinate a cambiare – continua Mazzaferro – innanzitutto i vari gradi di risposta del tumore alle terapie identificheranno gruppi di persone a maggiore o minore necessità di trapianto e ciò contribuirà ad una maggiore equità e trasparenza nella allocazione degli organi. Inoltre, poiché la possibilità del trapianto diventerà dipendente dal risultato delle altre terapie, il lavoro multidisciplinare tra le varie specialità si rafforzerà aiutando a centralizzare sui centri di trapianto una patologia tumorale che ormai non può più prescindere dall’utilizzo di un’alternativa così efficace di cura».

«Infine, il lavoro del chirurgo associato alle tante terapie farmacologiche che la ricerca produce per questi tumori può contribuire a spostare dalla ‘cronicizzazione’ alla ‘cura definitiva’ molti pazienti, con notevole risparmio di risorse, sia tecnico-assistenziali che economiche», conclude Mazzaferro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube