Politica | News

Emanuele Filiberto lancia il movimento Realtà Italia

9 Luglio 2020 | Autore:
Emanuele Filiberto lancia il movimento Realtà Italia

L’erede dei Savoia: «Servono piani concreti per l’Italia che, così, a ripartire non ce la fa». 

Nasce “Realtà Italia“, è il nome dell’associazione così battezzata da Emanuele Filiberto. L’erede dei Savoia rivela maggiori dettagli del nuovo movimento al Corriere della Sera, precisando che ancora non è deciso se questo «sarà in futuro un movimento politico o se resterà un movimento di idee per l’Italia. Ma se deve finire in politica, che sia».

Emanuele Filiberto riflette sul ruolo della politica: «Cosa han fatto i politici, mentre tutti gli altri in Europa hanno prodotto soluzioni vere?». «Dico quel che penso: non è questa l’Italia che sognavo in esilio. I giovani senza futuro», precisa.

Riguardo al fatto che il ministro dell’Economia Gualtieri abbia promesso meno tasse e più risorse alla scuola, sottolinea che: «Non mi convince il governo e neppure l’opposizione che riempie le piazze. Negli Usa ho un’attività di ristorazione on the road con i truck Prince of Venice. Con il Covidho dovuto chiudere due mesi, mettere i dipendenti in cassa integrazione… bene tutti hanno subito ricevuto un bonus di lavoro. Quanto agli affari, in tempo di crisi è l’ora di cogliere opportunità: sto rilevando nuovi locali per ampliare poi il business. E intanto con Realtà Italia porterò a un tavolo virtuale, con il webinar Meraviglia Italia, questa sera alle ore 18, imprenditori del turismo e della bellezza».

«Questa sarà un’estate di idee per il Paese che amo. Ma non c’è visione di lungo termine, sanità e scuola da ricostruire, disoccupazione».

Infine, conclude sottolineando che non ha bisogno della politica per vivere e aggiunge di non avere «la soluzione ma i giusti contatti per mettere attorno a un tavolo persone che saprebbero cosa fare: sono solo un aggregatore, un incubatore o un incanalatore di idee».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube