Proroga sui versamenti senza interessi o sanzioni

10 Luglio 2020 | Autore:
Proroga sui versamenti senza interessi o sanzioni

Approvato un ordine del giorno alla Camera: il Governo prolungherà l’attuale proroga fino al 30 settembre senza conseguenze per saldi e acconti di Irpef e Ires.

La Camera dà ulteriore fiato a chi deve ancora fare dei versamenti fiscali. Con un ordine del giorno votato al decreto Rilancio, è stato deciso di non applicare interessi o sanzioni a chi effettuerà questi pagamenti entro il 30 settembre.

Al Governo, infatti, è stato chiesto di adottare ogni iniziativa necessaria a cancellare le eventuali conseguenze negative nei confronti dei contribuenti per il ritardo del pagamento dei saldi 2019 e degli acconti 2020 di Irpef e Ires, vista la situazione che si è creata con l’emergenza coronavirus.

Secondo il primo firmatario dell’ordine del giorno, il leghista Alberto Gusmeroli, lo spostamento al 30 settembre del termine per i versamenti fiscali non dovrebbe creare particolari problemi ai conti pubblici. Già l’anno scorso, era stato modificato il calendario fiscale a causa degli indicatori sintetici di affidabilità.

Fino ad oggi, era in vigore una proroga fino al 20 luglio per i pagamenti di giugno, grazie ad un decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri. Tuttavia, erano state lamentate da più parti delle difficoltà per far fronte agli impegni con il Fisco a causa di una crisi di liquidità.

Probabile che quelle «iniziative necessarie» che la Camera ha chiesto al Governo vengano adottate all’interno del decreto Semplificazioni. Com’è plausibile che la proroga venga decisa all’ultimo momento prima dell’attuale scadenza, in modo da tentare di incassare i versamenti da chi ancora se lo può permettere e non vuole rischiare di aspettare settembre.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube