Covid: rischio di trasmissione in gravidanza

10 Luglio 2020 | Autore:
Covid: rischio di trasmissione in gravidanza

Un team italiano di ricercatori ha trovato il coronavirus e gli anticorpi nel cordone ombelicale, nella placenta e nel latte materno.

Questa volta non si tratterebbe di ipotesi o di supposizioni, ma di un rischio molto più concreto. Uno studio realizzato da un team di ricercatori italiani ha trovato il coronavirus Sars-CoV-2 e anticorpi contro il patogeno nel cordone ombelicale, nel latte materno, nella placenta e nella vagina di donne in gravidanza colpite dal Covid-19. Se ne deduce che l’infezione potrebbe essere trasmessa da madre a figlio.

Lo studio è stato condotto sotto la guida di Claudio Fenizia, docente di Immunologia all’università Statale di Milano, ed effettuato su 31 donne incinte, presso tre ospedali dell’area milanese tra marzo e aprile. Sul totale dei neonati del campione analizzato, due sono risultati positivi al virus ed entrambi sono guariti rapidamente. Uno, in particolare, si è negativizzato dopo due giorni, segno – secondo gli studiosi – che stava già producendo anticorpi contro Sars-Cov-2 nell’utero. Tutte le donne esaminate nella ricerca italiana erano in stato avanzato di gravidanza, il che lascia aperta la questione di quale possa essere l’impatto del virus nelle fasi iniziali di gestazione.

La ricerca italiana è finita sui media internazionali, ma Fenizia tiene a precisare che si tratta di dati preliminari e condizionati da fattori che rendono prematuro trarre conclusioni che abbiano un impatto sull’assistenza alle future mamme infettate da Covid-19. Tuttavia, sottolinea lo scienziato, «il nostro studio dovrebbe essere considerato un campanello d’allarme per aumentare la consapevolezza che sia possibile una trasmissione materno-fetale».

Precedenti indagini condotte in Cina su un piccolo numero di mamme in attesa e positive al coronavirus avevano prodotto conclusioni simili.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube