Cronaca | News

Migranti: nuova ondata di sbarchi a Lampedusa

10 Luglio 2020
Migranti: nuova ondata di sbarchi a Lampedusa

Nelle ultime 24 ore 618 persone hanno raggiunto l’isola con imbarcazioni di varie dimensioni. L’hotspot di accoglienza è al collasso.

Sbarchi a raffica a Lampedusa dove si susseguono soccorsi e avvistamenti. L’agenzia stampa Adnkronos ci informa che nell’isola siciliana sono approdati 618 migranti nelle ultime 24 ore, tra cui donne e minori. Tutti sono stati soccorsi dagli uomini della Guardia di Finanza e della Capitaneria di porto.

Gli sbarchi registrati sinora sono una ventina, per lo più di piccole dimensioni, ad eccezione di due eventi con rispettivamente 95 e 267 persone stipate sui barconi. Gli arrivi provengono dalla Tunisia e dalla Libia. Sono invece 18 i migranti che in piccoli gruppi sono riusciti a eludere i controlli e approdare direttamente sull’isola, ma sono stati immediatamente rintracciati.

Intanto, proseguono anche i trasferimenti dall’hotspot di contrada Imbriacola, che dopo gli ultimi arrivi è ormai al collasso e non è in grado di ospitare un numero di persone così consistente per il periodo di quarantena obbligatoria cui i nuovi arrivati devono sottoporsi. Per alleggerire il carico della struttura, alcuni vengono trasferiti altrove: un centinaio di migranti stanno lasciando l’isola in direzione di Porto Empedocle con il traghetto, altri 50 li seguiranno nel pomeriggio.

Il fenomeno degli sbarchi a Lampedusa è accentuato dal fatto che in questo periodo il Mediterraneo è privo di navi umanitarie per prestare i soccorsi in mare: la Moby Zaza (la nave quarantena noleggiata dalla Protezione civile) è completamente occupata dai 180 migranti sbarcati alcuni giorni fa dalla Ocean Viking e la Sea Watch è stata sottoposta a fermo amministrativo per le irregolarità riscontrate durante un’ispezione a bordo compiuta dalla Guardia costiera.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube