Diritto e Fisco | Articoli

Piscina gonfiabile sul terrazzo privato: deve approvare il condominio?

12 Luglio 2020
Piscina gonfiabile sul terrazzo privato: deve approvare il condominio?

Per montare una piscina sul balcone di casa o sul lastrico solare condominiale c’è bisogno di autorizzazione?

Un nostro lettore intende montare, gonfiare e riempire una piscina in plastica sul proprio balcone per il divertimento dei propri figli piccoli. Si tratta di una struttura piuttosto voluminosa, il cui peso tuttavia non dovrebbe creare pregiudizi alla staticità del palazzo. Ciò nonostante alcuni condomini si sono lamentati. Alcuni di loro sostengono, infatti, che sarebbe poco decorosa la presenza di persone in costume da bagno sulle terrazze, dinanzi a tutti i passanti. C’è poi il rischio che l’acqua possa sgocciolare e cadere verso i piani inferiori, bagnando i giardinetti privati e le poltroncine degli altri condomini. Così si è proposto di portare la questione all’attenzione dell’assemblea e sottoporla al voto comune.

Tale soluzione non appare corretta al lettore che pertanto ci chiede se il condominio deve approvare la piscina gonfiabile sul terrazzo privato. Cerchiamo di fare il punto della situazione.

Cosa si può fare sul balcone e sul terrazzo di casa

Chiariamo subito una questione di carattere terminologico.

Quando si parla di balcone si intende il prolungamento dell’appartamento che, come noto, può essere di due tipi. C’è il balcone aggettante, quello di solito più comune: è sospeso in aria, oltre la verticale dell’edificio. C’è poi il balcone incassato che invece è chiuso tra le facciate stesse del palazzo condominiale.

In entrambi i casi, il balcone è uno spazio di proprietà privata su cui vi è ampia libertà di movimento e organizzazione da parte del condomino, salvi alcuni limiti costituiti dal decoro architettonico e dal rispetto della stabilità dell’edificio.

Quando invece si parla di terrazzo ci si riferisce alla copertura dell’edificio che sostituisce i tetti spioventi e che, per sua natura, è calpestabile; il terrazzo si distingue dal lastrico solare per il fatto di presentare una inferriata che consente l’affaccio e la veduta. Al contrario del balcone, il terrazzo è di regola uno spazio condominiale, appartenente a tutti i condomini salvo che un atto di proprietà disponga diversamente. A ogni condomino spetta la facoltà di utilizzare il terrazzo a proprio piacimento, con il solo divieto di non mutarne la destinazione e non impedire agli altri condomini di fare altrettanto.

Si può montare una piscina gonfiabile privata sul balcone?

Una volta chiarita la distinzione tra balcone e terrazzo possiamo ora verificare se, su tali spazi, è possibile montare una piscina gonfiabile privata. La risposta non può che essere affermativa.

Nel caso del balcone, il proprietario è libero di utilizzare l’area a proprio piacimento non determinando, in tal modo, alcun mutamento delle linee originarie dell’edificio e, quindi, non violando il cosiddetto decoro architettonico. Bisognerà chiaramente fare in modo di scongiurare sia il rischio di possibili crolli, sia la caduta di acqua.

Sotto il primo versante, il condomino non è tenuto a fornire giustificazioni preventive ma, dinanzi alla contestazione dei vicini, potrebbe munirsi di una perizia tecnica per tranquillizzare i condomini dei piani sottostanti. A questi ultimi, in caso di pericolo, è comunque consentita la possibilità di rivolgersi al giudice del tribunale affinché valuti la sussistenza di rischi per l’incolumità fisica altrui.

Quanto invece allo scolo dell’acqua, si tenga conto che più volte la giurisprudenza ha ritenuto integrato il reato di «getto di cose pericolose o atte a imbrattare» anche dinanzi allo stillicidio dell’acqua di irrigazione delle piante. Il comportamento però deve essere ripetuto e il colpevole deve essere stato diffidato almeno una volta. Dinanzi a una tale situazione si potrà sporgere denuncia-querela innanzi alla polizia o ai carabinieri. Bene farà allora l’interessato a proteggere l’area con un tappetino spugnoso in grado di assorbire eventuali fuoriuscite di liquido.

Leggi anche “Cosa si può fare sul balcone di casa“.

In ogni caso, la predisposizione di una piscina gonfiabile sul terrazzo privato non è sottoposta alla preventiva autorizzazione dell’assemblea. Come detto, eventuali controinteressati potranno agire successivamente dinanzi al giudice per ottenere la rimozione della struttura qualora dovessero riuscire a dimostrare una compromissione dei propri diritti.

In via precauzionale, comunque, è sempre consigliabile leggere prima il regolamento di condominio: se approvato all’unanimità, infatti, questo potrebbe contenere dei limiti più stringenti a quanto sinora visto e genericamente consentito dalla legge. L’autonomia privata infatti può comprimere i diritti di proprietà in modo piuttosto consistente. Ed allora il regolamento potrebbe anche vietare di installare, seppur per poche settimane all’anno, una piscina gonfiabile.

Si può montare una piscina gonfiabile privata sul terrazzo?

Allo stesso modo, è possibile montare una piscina sul terrazzo dell’edificio. Anche in questo caso non è necessaria l’autorizzazione dell’assemblea. Difatti, come detto, se lo spazio occupato non è talmente ampio da impedire l’utilizzo dell’area anche agli altri condomini non si può contestare alcun illecito al condomino interessato.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Buongiorno, il medesimo ragionamento vale anche per Un giardino privato, soprastante a dei box condominiali interrati?
    Grazie, Massimo

    1. Leggi i seguenti articoli:
      -Messa a norma di locali interrati in condominio: chi paga le spese? https://www.laleggepertutti.it/388265_messa-a-norma-di-locali-interrati-in-condominio-chi-paga-le-spese
      -Infiltrazioni garage da cortile condominiale: chi paga? https://www.laleggepertutti.it/141295_infiltrazioni-garage-da-cortile-condominiale-chi-paga
      -Se il cortile copre i garage dei condomini chi paga le spese? https://www.laleggepertutti.it/259763_se-il-cortile-copre-i-garage-dei-condomini-chi-paga-le-spese

Rispondi a Redazione Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube