Tech | Articoli

Come faccio a bloccare l’accesso ad un sito a mio figlio

12 Luglio 2020
Come faccio a bloccare l’accesso ad un sito a mio figlio

Impostare delle restrizioni alla navigazione in Internet è la soluzione più efficace per evitare che tuo figlio possa visualizzare siti non adatti alla sua età.

Internet ci permette di avere qualsiasi cosa desideriamo a portata di click: puoi guardare tutti i tuoi film o tv show preferiti, controllare le ultime notizie in qualsiasi momento fare shopping mentre sei in sala d’attesa dal dentista. Insomma, Internet ha cambiato e, sotto molti aspetti, migliorato e semplificato le nostre vite.  Tuttavia, non è tutto oro ciò che luccica. Infatti, è importante considerare che i più piccoli – i quali ormai sono più tecnologici degli adulti – potrebbero accedere a contenuti non appropriati per la loro età.

Se ti stai chiedendo “ma come faccio a bloccare l’accesso ad un sito a mio figlio?”, la risposta è molto semplice: facendo ricorso al parental control. Il parental control ti permette di apporre delle restrizioni, modificabili a tuo piacimento, che ti permettono di limitare i contenuti visualizzabili in Internet da tuo figlio quando si trova a navigare senza la tua attenta supervisione.

Vediamo subito come proteggere tuo figlio dai pericoli digitali.

Cosa può fare il parental control?

Il parental control può essere un software o una specifica impostazione del tuo device (quindi già presente sul tuo computer) che ti permette di monitorare in che modo tuo figlio utilizza internet, oltre che impedirgli l’accesso a contenuti inappropriati. Inoltre, il sistema di controllo può anche essere implementato, imponendo ulteriori limitazioni tramite il tuo motore di ricerca (ad esempio, Google).

Il parental control può agire in diversi modi: controllando o bloccando i videogiochi cui tuo figlio può accedere; impostando un filtro durante la navigazione e mostrando solo siti pre-autorizzati; impedendo a tuo figlio di accedere a determinati servizi; limitando ciò che tuo figlio può cercare tramite un motore di ricerca o i video che può visionare.

Come impostare il Parental Control

Come abbiamo visto, il Parental Control è uno strumento necessario per proteggere i minori. Tuttavia, capire come impostarlo su tutti i dispositivi a sua disposizione può non essere semplicissimo.

Impostare il Parental Control su un computer Windows 

La maggior parte dei computer ti permette di modificare alcune impostazioni per garantire la sicurezza di tuo figlio.
Se il tuo computer utilizza il sistema operativo Windows, puoi collegarti alla pagina web account.microsoft.com/family e, dopo aver inserito i tuoi dati di accesso (o dopo esserti registrato), puoi creare un profilo per tuo figlio o selezionare il profilo già esistente.

Dopo aver selezionato “Restrizioni“, fai click sulla prima voce “App, giochi e media” e spunta l’opzione “Blocca app, giochi o media inappropriati”. Inoltre, puoi autorizzare già le app e i giochi che hanno un contenuto adatto all’età di tuo figlio semplicemente inserendone l’età. Per bloccare i siti internet, invece, sempre dopo aver fatto click su “Restrizioni”, seleziona “Navigazione web” e spunta l’opzione “Blocca siti inappropriati”.

Se ti fa stare più tranquillo, tuttavia, puoi anche selezionare “Consenti solo alcuni siti” che dovrai poi indicare tu in un secondo momento semplicemente inserendone l’url (ossia l’indirizzo). Se, invece, al contrario, sono solo alcuni i siti che vuoi bloccare, allora inserisci l’indirizzo delle pagine in questione e seleziona “Sempre bloccati”.

In questo modo, sicuramente puoi essere più sereno anche quando tuo figlio non naviga in internet sotto la supervisione di un adulto. Se ciò non dovesse bastare e desideri non solo controllare ciò che può visualizzare, ma anche quanto tempo passa davanti allo schermo, puoi anche impostare dei limiti di tempo per l’utilizzo del dispositivo.

Infine, se temi che possa acquistare giochi o altri servizi nello store Microsoft utilizzando i tuoi dati, puoi spuntare l’opzione che ti permette di bloccare gli acquisti e di sbloccarli solo a seguito di una tua autorizzazione (verrai avvisato per email).

Impostare il Parental Control su un computer Apple 

Se utilizzi un computer Apple, il procedimento cambia. Ti basta aprire le “Preferenze di sistema” e poi fare click su “Controlli Parentali“, ossia l’icona arancio che rappresenta un adulto che tiene per mano un bambino. A questo punto, seleziona l’account di tuo figlio per apporre le limitazioni.

Il tuo MacBook o il tuo iMac ti consentono di scegliere tra tre diversi tipi di filtri:

  1. senza restrizioni, che permette a tuo figlio di accedere a tutti i siti che vuole, ma tu sei in grado di vedere in ogni momento, tramite la funzione Parental Control, la cronologia dei siti da lui visitati;
  2. restrizioni automatiche, che permette al sistema di sicurezza di controllare automaticamente il sito cui si tenta di accedere e, se ritenuto inappropriato, di bloccarlo automaticamente. Anche in questo caso, sarai in grado di vedere i siti cui ha tentato di accedere e che sono stati prontamente bloccati dal sistema;
  3. infine, se preferisci avere il controllo totale della situazione, puoi creare la tua personale white-list, la lista dei siti da te approvati e che tuo figlio può visitare senza problemi. Quest’ultima scelta è particolarmente indicata se hai un figlio ancora molto piccolo e magari vuoi consentirgli solo l’accesso a siti che giudichi adatti alla sua età (come, a titolo di esempio, il sito della Disney).

Imposta il Parental Control su Google Chrome

Se lo desideri, puoi implementare la sicurezza di tuo figlio impostando dei filtri anche sul browser. Per fare ciò, apri l’app Family Link che ti serve per gestire i diversi account che utilizzano Google Chrome e seleziona il profilo di tuo figlio. Fai quindi click su “Impostazioni”, poi su “Gestisci impostazioni” e quindi su “Filtri su Google Chrome“.

Ora sei libero di scegliere la tipologia di filtro che preferisci:

  1. Consenti l’accesso a tutti i siti” permette all’utente di visitare tutti i siti che vuole, pur rimanendo le restrizioni per quelli che tu decidi di bloccare. In questo caso è quindi un controllo più mirato che non ti consente di proteggerlo da qualsiasi potenziale fonte di pericolo;
  2. Prova a bloccare i siti per adulti” che dovrebbe essere in grado di individuare i siti che presentano contenuti non adatti ai minori e di impedirne in automatico la visualizzazione. Ovviamente, il condizionale è d’obbligo, dal momento che non puoi avere la certezza che saranno bloccati tutti i siti che non ritieni tuo figlio debba visualizzare;
  3. Consenti solo siti specifici“, anche in questo caso si tratta di una white-list che contiene solo i siti da te approvati. Di conseguenza, nel caso in cui tuo figlio dovesse digitare un indirizzo non pre-autorizzato, si vedrebbe negare l’accesso automaticamente.

I pericoli che corrono i minori su Internet

La possibilità di accedere a contenuti sessualmente espliciti o violenti, e quindi non adatti alla sua giovane età è solo uno dei rischi che corre tuo figlio quando naviga in Internet. Negli ultimi anni, infatti, si è verificato un preoccupante aumento dei crimini commessi tramite la rete di cui sono vittime i più giovani. Il riferimento, in particolare, va al rischio che vengano adescati su internet o che siano vittime di episodi di cyber-bullismo.

Per far fronte al dilagare di questi preoccupanti fenomeni è stato attivato anche un numero di emergenza per le segnalazioni (114) ma è chiaro che la cosa più utile da fare, dal momento che internet è sempre più presente nelle nostre vite, è lavorare sull’educazione digitale fin dalla più tenera età.

Per conoscere le altre iniziative che stanno prendendo forma puoi consultare il seguente articolo: “Minori su Internet: i nuovi rischi“.

WhatsApp vietato ai minori di 16 anni: GUARDA IL VIDEO



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube