Diritto e Fisco | Articoli

Multa stradale: cosa deve indicare

27 Settembre 2020 | Autore:
Multa stradale: cosa deve indicare

Un verbale stradale è illegittimo quando il suo contenuto non è conforme alle prescrizioni di legge. Nullità e annullabilità del verbale stradale e strumenti per l’impugnazione.

Quando viene recapitato a casa un verbale per un’infrazione al codice della strada, la prima cosa da fare è quella di verificare se lo stesso presenta vizi tali da legittimare la proposizione di un’opposizione. Trattandosi di un atto amministrativo, infatti, la legge prevede che abbia un determinato contenuto. Perciò, i verbali stradali cosa devono indicare? Rispondere esattamente a questa domanda è importante perché la mancanza di uno degli elementi essenziali comporta la nullità insanabile del verbale mentre la loro erronea individuazione ne determina l’annullabilità per violazione di legge. In entrambi i casi, sarà possibile impugnare l’atto, scegliendo tra uno degli strumenti predisposti ad hoc dal nostro legislatore.

In cosa consiste un verbale stradale

Il codice della strada [1] dispone che la violazione di una o più norme di comportamento della circolazione stradale che determina un illecito amministrativo, quando è possibile, deve essere immediatamente contestata al trasgressore. A questa regola generale fanno eccezione i casi in cui non è necessaria la contestazione immediata come ad esempio quando è impossibile raggiungere un veicolo lanciato ad eccessiva velocità oppure in caso di sorpasso vietato o anche nell’ipotesi di attraversamento di un incrocio con il semaforo indicante la luce rossa [2].

Dell’avvenuta contestazione deve essere redatto verbale, contenente le dichiarazioni che gli interessati chiedono che vi siano inserite.

In parole più semplici, gli agenti accertatori nel momento in cui rilevano un’infrazione al codice della strada, devono contestarla immediatamente al trasgressore, fermandolo e consegnandogli il relativo verbale.

Il verbale contiene la sommaria descrizione del fatto accertato, gli elementi essenziali per l’identificazione del trasgressore e la targa del veicolo con cui è stata commessa la violazione. Una copia del verbale, inoltre, va consegnata anche all’ufficio o al comando da cui dipendono gli agenti accertatori.

Se la contestazione immediata non è possibile, il verbale con gli estremi precisi e dettagliati della violazione e con l’indicazione dei motivi che hanno reso impossibile la contestazione immediata, deve essere notificato al trasgressore mediante consegna da parte del postino, entro 90 giorni dall’accertamento dell’infrazione [3].

Cosa deve indicare un verbale stradale

La struttura formale del verbale stradale è prevista dalla legge [4], a norma della quale l’atto deve contenere:

  • l’indicazione del giorno, dell’ora e della località nei quali la violazione è avvenuta;
  • delle generalità (nome e cognome) e della residenza del trasgressore;
  • degli estremi della patente di guida;
  • del tipo del veicolo e della targa di riconoscimento;
  • la sommaria esposizione del fatto, che deve consistere in una descrizione del comportamento posto in essere dal trasgressore e delle circostanze nelle quali si è verificato l’illecito. Tale esposizione anche se sintetica, deve consentire al trasgressore di comprendere le ragioni della sanzione applicata così da potere proporre un’eventuale opposizione;
  • la citazione della norma violata;
  • l’indicazione delle generalità dell’agente accertatore. A tal proposito va evidenziato che il verbale di contestazione deve essere redatto dall’organo accertatore [5], anche con l’utilizzo di sistemi informatici (ad esempio computer). In quest’ultimo caso la firma dell’agente accertatore non è necessaria ma sarà sufficiente l’indicazione del nominativo con l’eventuale indicazione del numero di matricola. Sul verbale meccanizzato deve anche apparire il nome del rappresentante dell’ufficio dell’organo accertatore;
  • le eventuali dichiarazioni delle quali il trasgressore chiede l’inserzione, che costituiscono degli elementi accidentali del verbale di contestazione. Tali dichiarazioni, una volta inserite nell’atto, assumono comunque una particolare efficacia, tanto che le stesse fanno piena prova fino a querela di falso [6].

Il verbale, inoltre, deve contenere:

  • le informazioni circa le modalità di pagamento della sanzione, in misura ridotta, quando sia consentito, con la precisazione dell’importo della somma da pagare;
  • i termini del pagamento;
  • l’ufficio o il comando presso il quale il pagamento può essere effettuato;
  • il numero di conto corrente postale o bancario che, eventualmente, può essere, utilizzato a tale scopo;
  • l’autorità a cui presentare ricorso e le modalità per la sua proposizione.

Quando il verbale stradale è nullo e quando è annullabile

L’indicazione del giorno, dell’ora e della località in cui la violazione è stata posta in essere, delle generalità del trasgressore, della residenza nonché degli estremi della patente di guida e del tipo di veicolo costituiscono elementi essenziali del verbale di contestazione. La loro assenza nel verbale, pertanto, comporta la nullità insanabile di tale atto per vizi di forma.

L’erronea individuazione di uno degli elementi sopra menzionati, invece, determina l’annullabilità del verbale per violazione di legge, in quanto attiene ai suoi requisiti di legittimità.

Il verbale, altresì, deve riportare la citazione della norma violata, la quale costituisce il supporto giuridico dell’accertamento. La sua mancata indicazione nell’atto, determina la nullità del verbale. Non si ha, invece, nullità quando il verbale non contiene l’indicazione dei termini per il pagamento della sanzione. In questo caso il pagamento in ritardo non comporterà l’applicazione di ulteriori sanzioni.

La mancata indicazione dell’autorità competente per il ricorso determina la nullità del verbale mentre l’inesatta o incompleta indicazione della medesima autorità, consentirà al trasgressore di proporre opposizione in un momento successivo.

In ultimo, se il verbale non riporta il termine per presentare il ricorso o l’indicazione è errata, si avrà una rimessione in termini per il ricorso tardivo.

La nullità o l’annullabilità del verbale stradale non è automatica nel senso che deve essere pronunciata dal giudice. Spetta, quindi, al trasgressore impugnare tale atto nei modi e nei tempi previsti dalla legge, altrimenti lo stesso diventerà definitivo e non sarà più impugnabile.

Quali sono gli strumenti per impugnare un verbale stradale illegittimo

Il legislatore ha previsto più strumenti per impugnare un verbale stradale qualora sia illegittimo per vizi di forma o per violazione di legge.

Nello specifico, si tratta dei seguenti:

  1. il ricorso al prefetto, che si può presentare nel termine di 60 giorni dalla contestazione immediata o dalla notifica del verbale, personalmente presso gli uffici della prefettura del luogo della commessa violazione oppure inviare con raccomandata a/r o via pec. In alternativa, si può presentare al comando dei vigili urbani che ha elevato la contravvenzione. Se il prefetto non accoglie il ricorso, è possibile proporre ricorso al giudice di pace entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento di rigetto;
  2. il ricorso al giudice di pace, che va proposto entro 30 giorni dalla contestazione immediata o dalla notifica del verbale a condizione che non sia stato già presentato quello al prefetto o che non si sia proceduto al pagamento della multa. Il ricorso va depositato nella cancelleria del giudice di pace del luogo in cui è stata accertata la violazione oppure va inviato con raccomandata a/r o anche presentato online, collegandosi al sito gdp.giustizia.it. La presentazione del ricorso comporta il pagamento del contributo unificato il cui importo dipende dall’ammontare della multa che si contesta. Il giudice di pace può dichiarare inammissibile il ricorso – ad esempio se è stato presentato oltre il termine previsto dei 30 giorni – accogliere il ricorso, annullando in tutto o in parte la multa oppure rigettarlo, condannando il ricorrente al pagamento di una sanzione il cui importo è compreso tra il minimo e il massimo stabilito dalla legge per la violazione accertata. Contro la sentenza del giudice di pace è possibile proporre appello in tribunale;
  3. il ricorso in autotutela, che va inviato all’Ente che ha emesso il verbale – ad esempio il Comune, per i verbali elevati dalla polizia municipale – con raccomandata a/r oppure via pec. L’istanza può essere presentata indipendentemente dalla proposizione del ricorso al prefetto o al giudice di pace e non sospende i termini per la proposizione di questi altri due tipi di opposizione. Il ricorso in autotutela va utilizzato quando il verbale è palesemente illegittimo per vizi di forma ovvero contiene un’errata valutazione del fatto contestato.

note

[1] Art. 200 D. Lgs. n. 285 del 30.04.1992 cod. strada.

[2] Art. 201 co. 1 bis. cod. strada.

[3] Art. 201 co. 1 cod. strada.

[4] Art. 383 del D.P.R.  n. 495 del 16.12.1992 (Regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della Strada).

[5] Art. 385 co. 3 Reg. Att. CdS.

[6] Art. 2700 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube