Spese tribunale causa penale

24 Settembre 2020 | Autore:
Spese tribunale causa penale

Come vengono regolati i costi legali in capo all’imputato e alla persona offesa?

Subire un giudizio penale è sempre antipatico, oltre che molto pericoloso: in gioco c’è la propria libertà personale, a cui nessuno vuole mai rinunciare. Per questo, hai sempre bisogno di un avvocato che rappresenti e difenda i tuoi diritti; ciò significa costi da sostenere, in quanto l’avvocato ha diritto al pagamento della sua attività professionale. Ma che possibilità ci sono di recuperare le somme spese in un giudizio avviato ingiustamente, o conclusosi con la completa assoluzione? Cosa succede se l’azione penale è avviata a causa di una querela di una persona? E cosa succede se, invece, il procedimento è avviato d’ufficio dallo Stato? La domanda è più che lecita, visto che, a fronte di una ingiustizia ricevuta, qual è un procedimento penale immeritato, rischi di dover sostenere pure le spese del legale e, quindi, di pagare per qualcosa che non avresti mai dovuto subire. In questo articolo, dopo aver analizzato il concetto di spese legali, vedrai come si atteggia la liquidazione delle spese tribunale causa penale, sia con riferimento all’imputato, sia con riferimento alla persona offesa.

Concetto di spese legali

Con il termine spese legali si suole indicare l’insieme dei costi che una parte processuale è obbligata ad affrontare per un giudizio, o semplicemente per una determinata questione legale.

All’interno del concetto, vanno inserite tutte le voci di spesa necessitate per una determinata pratica, quali ad esempio:

  • marche da bollo e contributi unificati;
  • spese di notifica di lettere e atti;
  • spese di viaggio in udienza;
  • spese di segreteria;
  • compensi dell’avvocato.

Solitamente, queste voci sono tutte inserite nella parcella che ti presenta il legale che, una volta incassata la somma, viene tramutata in fattura, rilevante ai fini fiscali e utile per le eventuali detrazioni.

Determinazione delle spese legali

Se le spese effettive sono di facile e prevedibile calcolo (si pensi alla marca da bollo richiesta per la prenotazione di una copia conforme, o al contributo unificato necessario all’iscrizione di un giudizio), i compensi del legale sono volubili, e dipendono da una serie di circostanze, quali la difficoltà della pratica legale, la durata del giudizio, il valore della causa e quant’altro.

Al fine di evitare brutte sorprese, il legislatore è intervenuto ponendo, in capo al legale, l’obbligo di trasmissione di un preventivo di massima che possa prevedere una spesa approssimativa.

In mancanza di questo preventivo, il professionista avrà, comunque, diritto ad ottenere i compensi per l’attività espletata, ma l’ammontare dovrà essere calcolato nel rispetto dei parametri previsti dalla legge [1].

Su chi ricadono le spese legali?

Nel giudizio civile, come anche in quello penale, seppur con alcuni correttivi (che vedremo), vince il principio della soccombenza: chi perde la causa è costretto a pagare non solo il proprio avvocato, ma anche quello della controparte, uscita vittoriosa dalla causa.

Tuttavia, come anticipavo, se nel giudizio civile ci ritroviamo dinanzi a due parti che cercano di far valere diritti e interessi privatistici, nei processi penali la situazione muta, in quanto gli interessi in ballo non sono (sempre e solo) privatistici, ma anche di natura pubblica. Infatti, in ambito penale, i giudizi possono essere avviati oltre che per impulso di un privato (la classica querela), anche d’ufficio, direttamente dalla procura, o dalle forze dell’ordine.

E così, se in ambito civile è facile individuare il responsabile, al fine dell’ottenimento di una condanna alle spese, in ambito penale, chi pagherà le spese legali? Procediamo con ordine.

Spese legali dell’imputato

Chi si ritrova imputato in un giudizio penale ha necessariamente bisogno di un avvocato per potersi difendere in giudizio, tant’è che, se l’imputato non può permettersi economicamente un legale, questo gli verrà assegnato dalla legge, che così si accollerà tutte le spese legali.

Se hai la necessità, oltre che la forza economica di designare un avvocato di fiducia, dovrai mettere in conto che le spese legali sostenute per difenderti non ti saranno rimborsate, a meno che il processo penale sia stato avviato e coltivato dalla persona (presunta) offesa, tramite querela. Infatti, in caso di processo penale avviatosi a seguito di querela e conclusosi con l’assoluzione dell’imputato, avrai la possibilità di rivalerti delle spese legali liquidate dal giudice ai danni del querelante.

Ma se il procedimento si è avviato per interesse dello Stato, nessun ristoro sarà previsto per l’imputato assolto e dovrai, quindi, abbandonare l’idea di ottenere un rimborso.

Spese legali della persona offesa

Situazione differente, e più garantista, vive la persona offesa del reato e, quindi, la vittima della condotta criminosa dell’imputato.

Qui, infatti, in caso di condanna, il giudice emetterà un ordine di pagamento delle spese legali sostenute dalla vittima sempre ai danni dell’imputato, o – se differente – del responsabile civile del reato. Per ottenere ciò, però, quest’ultima dovrà costituirsi entro i termini di legge come parte civile nel processo penale, coltivando insieme al pubblico ministero l’azione penale.

Se da un lato le spese legali saranno sempre riconosciute in caso di condanna, dall’altro non sempre è sicuro che l’imputato abbia la voglia, o la possibilità, di pagare le spese liquidate dal giudice.

Se il condannato non vuole pagare?

Se l’imputato, poi condannato, ha la possibilità economica di pagare, ma non collabora, allora potrai avviare l’azione esecutiva finalizzata a recuperare forzosamente quelle somme.

Così, il tuo legale procederà dapprima a ottenere l’apposizione della formula esecutiva sulla sentenza di condanna che dovrà essere notificata, insieme ad un atto di intimazione (denominato, atto di precetto), al condannato, con la diffida ad adempiere al pagamento entro dieci giorni e con la minaccia di agire con un pignoramento in caso di mancato riscontro.

Se quel precetto non dovesse avere alcun effetto, allora sarai costretto ad indagare sulle possidenze del tuo debitore al fine di valutare lo strumento più adatto per soddisfare le tue pretese:

  • pignoramento della casa di proprietà;
  • pignoramento di autovetture o motoveicoli di proprietà;
  • pignoramento di quote societarie intestate;
  • stipendi, o pensioni.

Se il condannato non può pagare?

Problema più grosso è se il condannato non ha la possibilità di pagare, perché nullatenente. In questo caso, una qualsiasi azione esecutiva sarebbe infruttuosa.

Pertanto, d’accordo con il tuo legale, attenderai tempi migliori, magari sperando che il condannato, una volta scontata la pena, possa riabilitarsi e riprendere l’attività lavorativa, necessaria a soddisfare le minime esigenze vitali.

Solo così, un domani, potrai sperare di recuperare le spese anticipate al tuo legale per ottenere la condanna dell’uomo, dovendoti fino a quel momento accontentare di aver avuto giustizia solo dal punto di vista penale.


note

[1] Decreto ministeriale n.55/2014


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. La legge è una cosa e la sua applicazione può essere tutt’altra. Causa civile Condominio e alcuni singoli Condomini contro il Costruttore/venditore per vizi di costruzione. Durata della causa 10 anni, vari Giudizi subentrati, respinte tutte le obiezioni del Costruttore. Danno riconosciuto, e in base ai valori accertati dalla stima del CTU nominato dal Tribunale, circa 50% per il Condominio e circa 20% ai singoli Condomini. Spese legali del Costruttore (soccombente) a carico dei querelanti. Non è una barzelletta ma la dura realtà. Chiaramente nessuno vuole perdere altro tempo,sicuramente inutile, in ricorsi.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube