Cronaca | News

Nuovo Dpcm: novità sui viaggi in treno e in aereo

14 Luglio 2020 | Autore:
Nuovo Dpcm: novità sui viaggi in treno e in aereo

Sì al trolley in cabina, ma la compagnia decide in certi casi. Possibile la distanza inferiore a un metro in treno con il giusto sistema di aerazione.

Si allentano alcune delle restrizioni previste nella lotta al coronavirus. Il nuovo Dpcm (decreto del presidente del Consiglio dei ministri) presentato oggi e che resterà in vigore dalla mezzanotte fino al 31 luglio contiene alcune novità per quanto riguarda i viaggi.

Chi si muove in treno dovrà ancora accomodarsi solo sulle poltrone alternate, ma se i posti sono collocati in fila verticale e sui vagoni è garantito un sistema di rinnovo dell’aria, è possibile anche sedersi a meno di un metro dal compagno di viaggio.

Buone notizie anche per chi deve salire a bordo di un aereo. Il nuovo Dpcm eliminerà la norma con cui l’Enac consentiva di portare a bordo solo bagagli di dimensioni tali da essere posizionati sotto il sedile di fronte. In sostanza, dal 15 luglio viene consentito portare un trolley in cabina, da sistemare nella cappelliera, seguendo comunque le indicazioni su peso e misure dettate dalla compagnia aerea.

Tuttavia, in caso di sovraffollamento, sarà il vettore a decidere quali bagagli devono essere imbarcati in stiva e quali possono essere portati in cabina. Inoltre, gli indumenti non utilizzati dovranno essere custoditi in sacchetti sterilizzati consegnati ai passeggeri dalla compagnia.

Per il resto, il nuovo Dpcm contiene le misure già note: uso obbligatorio della mascherina nei luoghi chiusi, stop prolungato fino al 31 luglio per fiere, congressi, sagre, eventi pubblici e discoteche, distanziamento interpersonale di almeno un metro. Il tutto, in attesa che venga decisa – entro fine mese – la proroga dello stato di emergenza, presumibilmente fino al 31 ottobre.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube