Omotransfobia: passi in avanti sulla legge

14 Luglio 2020 | Autore:
Omotransfobia: passi in avanti sulla legge

Alla Camera è stato adottato il testo base. Ora, si potranno proporre gli emendamenti.

Passi in avanti sulla legge sull’omofotransfobia. Il testo del ddl è stato presentato nel luglio del 2018 dal deputato Pd Alessandro Zan ed è approdato in commissione Giustizia della Camera il 4 giugno scorso. La discussione è stata calendarizzata per il prossimo 27 luglio.

Oggi, apprendiamo dall’Ansa che la Commissione Giustizia della Camera ha adottato il testo unificato del relatore Alessandro Zan come testo base e, su questo, i gruppi potranno presentare gli emendamenti entro giovedì 16 luglio alle ore 11.

A favore dell’adozione del testo base ha votato la maggioranza, contro Lega e Fdi, mentre Fi non ha partecipato al voto “in segno di apertura”.

La presidente della Commissione Giustizia di Montecitorio Francesca Businarolo ha precisato che questo: «E’ un altro passo in avanti verso la legge, il fronte contrario si ricrederà con la sua applicazione».

«Con l’adozione del testo base delle proposte sull’omotransfobia – ha aggiunto – ci avviamo verso l’approdo in Aula previsto il 27 luglio, dopo la riforma elettorale. Il testo prevede il carcere da uno a quattro anni per chi istiga alla violenza omofobica, intervenendo sull’articolo 604 bis del codice penale. La sua finalità è quella di ampliare la platea dei destinatari della tutela e fornire adeguati strumenti contro i cosiddetti “hate crimes” (crimini d’odio), oltre alla diffusione della cultura del rispetto e della tolleranza».



6 Commenti

  1. Allora, premetto che trovo vergognose tutte le manifestazioni di odio e violenza verso un orientamento sessuale. Nessuno può permettersi di insultarti, picchiarti, bullizzarti perché preferisci X piuttosto che Y e viceversa. Sono per la libertà sessuale, cosa che da anni è combattuta in tutto il mondo. Però, dico io, davvero nel 2020 dobbiamo arrivare all’approvazione di una legge per impedire questi comportamenti? Cioè che gente c’è ancora oggi nel mondo? La mentalità è ancora retrograda. Stessa cosa, ad esempio, per le quote rosa. C’era davvero bisogna di dover rafforzare le posizioni delle donne perché ancora si pensa che sia l’uomo alfa a dominare politica e quant’altro? E’ assurdo che per rafforzare la tutela di certi diritti che dovrebbero essere naturali, si arrivi alla discussione di una legge…

  2. Sono proprio curioso di leggere tutti i miliardi di emendamenti che spunteranno fuori entro domani. E sono proprio curioso di vedere gli altri stupidi movimenti che ci saranno da parte di coloro che sono contrari a questa legge.

  3. Io penso che debbano approvare questa legge. Purtroppo c’è bisogno di dover rimarcare certi diritti. La legge e le pene dovrebbero fungere da deterrente. Ma non penso proprio che sia così, altrimenti perché ancora la gente commette omicidi e altre forme di violenza? Perché continuano ad esserci tanti reati? Perché i criminali sanno che tanto fra un sconticino di pena qua e là alla fine si faranno solo qualche tempo irrisorio di carcere e chi ripaga le vittime? Vallo a dire a chi ci ha rimesso la vita o la dignità, chi è traumatizzato e sarà condizionato per il resto della sua vita e potrebbe arrivare al suicidio…ecco di questo non ne tengono conto eh?

  4. Ormai, il tempo stringe e il 27 luglio è vicino… Spero che riescano a trovare una soluzione che possa accontentare tutti perché queste violenze per l’omotransfobia sono innumerevoli. e anche nelle scuole, i ragazzini pestano i loro coetanei, nelle scuole si innescano dei meccanismi che non potete immaginare e poi la vittima resta traumatizzata per davvero e si porta dentro un vuoto e un malessere che non avete idea. Queste cose ti segnano la vita e le scelte future

    1. La nuova legge prevede l’estensione dei reati già contenuti nel codice penale alle manifestazioni d’odio fondate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere. Si fa riferimento agli articoli 604-bis e 604-ter che puniscono la propaganda e l’istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica o religiosa. L’estensione però non riguarderà la propaganda, ma l’istigazione a delinquere e gli atti di violenza. Se il testo verrà approvato, chi commette reati motivati da «stigma sessuale, in particolar modo nei confronti delle persone omosessuali e transessuali», rischia fino a quattro anni di reclusione.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube