Fumo, l’angiologo: “Italia guardi a Fda per prodotti a rischio ridotto”

15 Luglio 2020
Fumo, l’angiologo: “Italia guardi a Fda per prodotti a rischio ridotto”

Roma, 14 lug. (Adnkronos Salute) – “Ora l’Italia guardi alla decisione dell’Fda per i prodotti a rischio ridotto”. E’ l’auspicio di Salvatore Novo, presidente del Central European Vascular Forum (Cevf) che commenta il riconoscimento da parte dell’agenzia statunitense Fda di ‘Iqos’ di Philip Morris International come prodotto a ‘ridotta esposizione’. “I dispositivi che riscaldano il tabacco ma non lo bruciano non liberano tutte le sostanze nocive delle sigarette tradizionali, ad esempio l’ossido di carbonio che è nocivo perché si legata all’emoglobina e avendo un rapporto competitivo con l’ossigeno rende il soggetto fumatore a rischio di ipossia cronica. Poi l’ossido di carbonio danneggia anche l’endotelio scatenando aterosclerosi”, ricorda il cardiologo.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube