Business | Articoli

Se il pubblico dipendente è assenteista paga anche il dirigente

9 Settembre 2014
Se il pubblico dipendente è assenteista paga anche il dirigente

La decisione della Corte dei Conti in materia di assenze sul lavoro nella pubblica amministrazione.

 

Se il dipendente viene condannato per assenteismo scatta la responsabilità contabile per il danno apportato all’ente pubblico tanto nei suoi confronti quanto per il suo dirigente, quest’ultimo per via dell’omesso controllo. E tale responsabilità deve essere imputata per due terzi a carico del dipendente e per il restante terzo a carico del dirigente.

Sono queste le principali indicazioni contenute nella sentenza della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti della Toscana [1] con cui sono stati condannati tanto il dipendente resosi responsabile di assenteismo, con sentenza penale di patteggiamento, quanto il dirigente, a cui è stata imputata la scarsa vigilanza. Si tratta di una decisione innovativa che costituisce un pesante monito di cui i dirigenti – ai quali, si rammenta, il legislatore ha conferito i poteri e le capacità del privato datore di lavoro – devono tenere adeguatamente conto.

La vicenda

Il caso oggetto della pronuncia si basa sulla sentenza penale con cui è stato accertato che il dipendente si assentava arbitrariamente dall’ufficio per svolgere l’attività di maestro di tennis. Al riguardo una ulteriore fonte di responsabilità per il dipendente è data dallo svolgimento di questa seconda attività senza la autorizzazione dell’ente.

La sentenza resa in sede penale ha efficacia nel successivo processo contabile. Quanto dalla prima deciso può, dunque, essere “importato” nel secondo.

Quanto al dirigente, che ovviamente non è stato destinatario di alcuna condanna penale, alla base della sua condanna in sede contabile è posta la seguente motivazione: “non ha impedito, omettendo i dovuti controlli interni, il comportamento delittuoso”.

In particolare, ciò risulta dalla considerazione che il dipendente prestava la sua attività nella stessa sede del dirigente, il quale, quindi, avrebbe dovuto esercitare il controllo della sua attività. È stata inoltre riscontrata la “totale assenza di diligenza e la rilevante superficialità e trascuratezza”.

Ed ancora occorre considerare altri elementi che quanto meno qualificano la sua condotta come caratterizzata da una colpa grave e dal non esercizio dei normali doveri di un dirigente.

Sono molto importanti anche le regole adottate dalla Corte dei conti della Toscana per la quantificazione del danno. Secondo i giudici contabili occorre considerare in primo luogo i compensi illegittimamente percepiti per i periodi in cui il dipendente si è arbitrariamente assentato. A tale voce si devono sommare, poi, i compensi illegittimamente percepiti per avere svolto una seconda attività senza l’autorizzazione dell’ente e i danni apportati all’immagine dell’ente.

Nella quantificazione dei danni apportati all’ente per il mancato svolgimento della normale attività lavorativa a causa delle assenze arbitrarie, infine, i due terzi vanno posti a carico del dipendente e la restante parte a carico del dirigente per l’omesso controllo. Fatto, quest’ultimo, che costituisce un’altra indicazione innovativa.


note

[1] C. Conti Toscana sent. n. 139/2014.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube