Diritto e Fisco | Articoli

Neopatentati: obbligatorio esporre la P di principiante?

17 Luglio 2020
Neopatentati: obbligatorio esporre la P di principiante?

La P di principiante deve essere utilizzata solo da coloro che hanno ottenuto il foglio rosa e sono in attesa di sostenere l’esame di guida.

Hai conseguito la patente di guida? Finalmente, dopo varie esercitazioni su strada, puoi guidare la macchina di tuo padre e andare a scuola o a lavoro da solo. Che soddisfazione. Un dubbio, però, ti assale: per i neopatentati è obbligatorio esporre la P di principiante? Quando avevi ancora il foglio rosa, ricordi che eri obbligato a guidare la macchina con questa lettera gigante attaccata sul lunotto posteriore. Ma adesso che sei uguale a tutti gli altri automobilisti, ti serve ancora? Nell’articolo che segue vedremo quando è necessario esporre la lettera “P”, cosa significa e quali sono i limiti previsti dalla legge per i neopatentati. Se anche tu sei in procinto di iscriverti a scuola guida, ti consiglio allora di prenderti cinque minuti di tempo e proseguire nella lettura.

Chi è il neopatentato?

Il neopatentato è colui che ha conseguito la patente di guida (A2, A, B1 o B) da meno di tre anni. In pratica, la patente è un’autorizzazione amministrativa necessaria per guidare i veicoli a motore (auto, moto, ecc.) su una strada pubblica e viene rilasciata solo in presenza di determinati requisiti:

  • maggiore età;
  • idoneità psichica e fisica accertata dall’Asl competente oppure da medici autorizzati;
  • idoneità morale, in assenza della quale non può essere concessa la patente a chi, ad esempio, è sottoposto ad una misura di prevenzione;
  • idoneità tecnica per saper guidare un veicolo su strada nel rispetto del Codice della strada.

Come si diventa neopatentati?

Per essere patentato devi prima iscriverti ad un’autoscuola e frequentare una serie di lezioni teoriche e pratiche. Passato il primo esame – che consiste in un quiz a risposta multipla sui segnali stradali, sulle norme del Codice della strada, ecc. – ti verrà rilasciato il cosiddetto “foglio rosa” (valido per sei mesi), un documento che ti consentirà di esercitarti su strada alla guida del veicolo per il quale hai richiesto la patente. Superato anche l’esame pratico (da sostenere almeno un mese dopo l’esame teorico) ti verrà rilasciata l’autorizzazione a guidare su strada.

Neopatentati: obbligatorio esporre la P di principiante?

Come già anticipato, nel momento in cui ottieni il foglio rosa potrai imparare a gestire il veicolo su strada in mezzo al traffico.

Per guidare l’auto con il foglio rosa, però, deve essere sempre presente una persona che abbia compiuto 65 anni e sia in possesso di una patente valida (per la stessa categoria) conseguita da almeno dieci anni. Ma non è tutto. È necessario esporre la lettera P sul vetro posteriore e anteriore del veicolo. In pratica, la lettera P sta ad informare gli altri conducenti che chi sta guidando è appunto un principiante che sta imparando a condurre un veicolo. Ovviamente, è necessario osservare le norme del Codice della strada e prestare sempre la massima attenzione. 

Quanto alle dimensioni, per i veicoli che rientrano nella categoria M1 (cioè idonei al trasporto di massimo 8 persone) il contrassegno “P” deve misurare 120 x 150 mm – nella parte anteriore – e 300 x 300 mm nella parte posteriore; per le categorie M2, M3, N2 e N3, il foglio dovrà avere una dimensione pari a 500 x 500 mm, sia nella parte anteriore che nella parte posteriore.

Quindi, sono obbligati ad esporre la P – che peraltro deve essere riconoscibile dagli altri senza pregiudicare la visibilità del conducente – solo i principianti, ossia coloro che si stanno esercitando per conseguire la patente di guida. Invece, i neopatentati, avendo già conseguito la patente, non devono esporre alcunché essendo automobilisti a tutti gli effetti, pur con qualche limitazione che vedremo a breve.

Neopatentati: sono previsti dei limiti?

Per i primi tre anni, i neopatentati devono stare molto attenti a non superare i seguenti limiti:

  • di velocità: pari a 100 Km/h in autostrada e 90 Km/h nelle strade extraurbane principali;
  • di potenza: solo per il primo anno dal rilascio della patente è vietata la guida di autoveicoli aventi una potenza superiore a 55 kw/t oppure 70 kw (per i veicoli che rientrano nella categoria M1);
  • alcolemici: se pari a 0,5 g/l è prevista una multa fino a 624 euro. Sul punto, quindi, è prevista tolleranza zero. 

Inoltre, qualora tu sia un neopatentato devi prestare molta attenzione anche a non commettere infrazioni del Codice della strada, in quanto ti saranno sottratti il doppio dei punti rispetto agli altri. Ti faccio subito un esempio per farti capire. 

Il neopatentato Caio sta guidando la sua macchina allorquando gli squilla il cellulare. Decide di rispondere, ma viene beccato da una pattuglia della polizia che dopo un attimo gli intima di fermarsi. L’agente rilascia a Caio una bella multa con una decurtazione di 10 punti della patente (invece di 5 punti).

Patente: tempi e costi

Per conseguire la patente B possono volerci dai 2 ai 6 mesi. Inoltre, tra il quiz a risposta multipla e l’esame di guida su strada devono trascorrere almeno 30 giorni. Calcola, però, che hai solamente due tentativi per superare gli esami, sprecati i quali devi ripetere tutto e pagare nuovamente.

I costi da sostenere si aggirano intorno ai 600-700 euro circa, comprensivi di documenti (bollettini, certificato medico, fototessera, ecc.) iscrizione alla scuola guida, corso di teoria, esami, libri su cui studiare e le lezioni di guida. I costi, tuttavia, sono variabili.

Il consiglio è quello di cercare un’autoscuola economica nella tua città o conseguire la patente da privatista e versare alla scuola guida solo le tariffe dell’iscrizione all’esame e quelle relative alle prove pratiche su strada.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube